Risposta Google alla causa di monopolio del governo USA.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha citato Google per “abuso della sua posizione dominante” nelle ricerche online per “soffocare la concorrenza e danneggiare i consumatori”, l’azione giudiziaria più significativa intrapresa dal governo contro un gigante della tecnologia dal caso contro Microsoft più di 20 anni fa.

Google è la porta di accesso a Internet e un titano della ricerca pubblicitaria“, ha detto il vice procuratore generale Teff Rosen, citato dall’agenzia AP. “Ha mantenuto il suo potere di monopolio attraverso pratiche di esclusione dannose per la concorrenza”, ha aggiunto. La causa potrebbe costringere l’azienda ad apportare importanti modifiche alla propria struttura.

Alphabet, la società madre di Google, ha un valore di mercato di oltre un trilione di dollari e il suo motore di ricerca di punta è di gran lunga il più utilizzato al mondo. Anche i suoi servizi di e-mail, videochiamata e il browser web sono estremamente popolari.

Kent Walker, vicepresidente senior degli affari globali di Google, era incaricato di comunicare la risposta dell’azienda: “La causa del Dipartimento di Giustizia è profondamente viziata. Le persone usano Google perché scelgono di farlo, non perché sono costrette o perché non ci sono altre alternative.

“Siamo fiduciosi che la corte concluderà che questa causa non è conforme ai fatti o alla legge“, ha aggiunto.