Rischi degli acquisti online di farmaci e prodotti medicali contraffatti

L’Interpol ha annunciato in data odierna un sequestro record di 25 milioni di prodotti medicali e farmaci contraffatti a livello globale distribuiti su internet, per un valore superiore a 51 milioni dollari (43 milioni di euro). Tra i farmaci sequestrati vi sono integratori alimentari, analagesici, trattamenti per l’epilessia, prodotti nutrizionali, ha detto in un comunicato stampa rilasciato dall’agenzia di cooperazione della Polizia internazionale, che ha sede a Lione (sud-est della Francia). L’operazione Pangea X, è questo il nome dell’inchiesta, è stato condotta in 123 paesi, un numero record, tra il 12 e il 19 settembre. Ha proceduto a 400 arresti e sono stati chiusi ben 3.584 siti web e più di 3.000 annunci pubblicitari su internet che reclamizzavano prodotti farmaceutici sono stati sospesi. Secondo l’Interpol, Pangea X è anche interessata alla vendita illegale di apparecchi medicali, quali impianti dentali, profilattici, siringhe e materiale chirurgico, che ha portato a sequestri per 500 mila dollari (420 mila Euro). L’Interpol ha riportato nella sua dichiarazione la partecipazione per la prima volta di molti paesi africani.

Pericolo per i consumatori “La vendita di prodotti farmaceutici contraffatti o falsi è una preoccupazione crescente nel mondo perché è un pericolo per la salute degli ignari consumatori che ritengono che i farmaci sono sicuri,” secondo quanto sostenuto da Immanuel Sam, responsabile dell’ufficio Interpol in Namibia. L’operazione Pangea è stata lanciata nel 2008. Solo otto paesi parteciparono all’inizio. L’Interpol è preoccupata per il crescente flusso nel corso di un decennio di prodotti farmaceutici non autorizzati o non controllati su internet. Questa tendenza “mette in pericolo la vita”, ha lanciato l’allarme il direttore esecutivo per la polizia all’Interpol, Tim Morris. «Il fatto che siamo arrivati a tali risultati significativi dopo dieci anni di funzionamento di Pangea dimostra che la vendita online di farmaci vietati è una sfida persistente e crescente» per le autorità interessate, ha detto Morris. Pangea X mira inoltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi connessi con gli acquisti di farmaci su internet, secondo l’Interpol. Si tratta, quindi, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, dell’ennesima conferma dei rischi connessi agli acquisti online di farmaci e prodotti medicali, per i quali da tempo continuiamo a segnalare i pericoli per la salute in quanto la frode è dietro l’angolo per l’impossibilità di verificare preventivamente la genuinità dei prodotti.