ballerina guarita da raro batterio carnivoro

Una ballerina di 17 anni si riprende da un’infezione causata da un raro batterio carnivoro ed è soprannominata “Ragazza miracolo”. A Wheeling, West Virginia, un’adolescente si è ripresa in modo sorprendente dopo aver trascorso settimane a combattere un raro batterio carnivoro in un’unità di terapia intensiva.

Olivia Kiger-Camilo, 17 anni, è stata collegata a un respiratore e ha subito più interventi chirurgici a causa di fascite necrotizzante monomicrobica causata da un batterio carnivoro, situato su un piede, che colpisce pochissime persone al mondo.

La giovane ragazza afferma di aver partecipato a una gara di ballo a marzo, quando si è accorta di avere una ferita sanguinante al piede e ha pensato di essersi rotta un dito del piede. Nonostante il dolore, è andato avanti con la competizione, pulendo la ferita.

Ma con il passare delle ore, il dolore è diventato più intenso. Fu allora che si rese conto che era qualcosa di serio.

I suoi genitori l’hanno portata d’urgenza in ospedale, tuttavia, nessun antidolorifico o trattamento sembrava ridurre il dolore. In meno di 24 ore, le sue condizioni erano peggiorate: il piede colpito è diventato nero, la sua pressione sanguigna è crollata e la sua temperatura corporea è salita a quasi 40 gradi Celsius.

Ha subito diverse operazioni per rimuovere i batteri, costringendola a rimanere in ospedale per quasi 30 giorni. Ha avuto bisogno anche di un innesto cutaneo e di una terapia fisica. Ora, mesi dopo, sta ancora lavorando per ritrovare la sua forza e mobilità, che erano diminuite dopo il suo mese a letto.

La ballerina ha espresso la sua gratitudine al team del WVU Medicine Children’s Hospital, dove è stata curata, poiché ora è in buona salute e sarà in grado di ballare di nuovo. Il 6 agosto sarà onorata come la “ragazza miracolosa”, durante un galà per bambini organizzato dal centro medico.