quiet quitting rinuncia silenziosa foto 3

I social network come TikTok e Twitter mostrano le diverse interpretazioni e definizioni che vengono date oggi a un comportamento esistente ma che ha assunto nuove connotazioni dopo la pandemia di COVID-19. Si tratta della nuova forma di dimissioni chiamata “Quiet Quitting” diventata molto popolare ma allo stesso tempo controversa. Qui ti spieghiamo di cosa si tratta, perché sta aumentando, i suoi pro e contro e perché, nonostante tutto, può avere un lato positivo.

Il nuovo modo di dimettersi: spieghiamo cos’è il “Quiet Quitting” e perché sta aumentando

I lavoratori si sono dimessi in silenzio da molti anni, non è una pratica nuova. I motivi che li hanno spinti a farlo erano legati alla ricerca di qualcosa di nuovo, a volte perché non erano soddisfatti della paga o perché non volevano o non potevano più far fronte al superlavoro per esaurimento. Oppure si sono licenziati semplicemente perché il loro posto di lavoro non offriva loro opportunità di crescita.

La recente tendenza è iniziata su TikTok, dove molti lavoratori hanno fatto conoscere al mondo questa nuova forma di dimissioni o “Quiet Quitting”. Un modo per dimettersi che si discosta sostanzialmente dalle tradizionali dimissioni per lettera, che mirano all’abbandono totale del lavoro. Invece, i lavoratori ricorrono a tecniche leggermente più sottili o silenziose per ritirarsi furtivamente dalla cultura del trambusto.

quiet quitting rinuncia silenziosa foto 1

Questo comportamento sta guadagnando sempre più popolarità tra le nuove generazioni di dipendenti. Si stanno lentamente ribellando a quella cultura, rifiutandola e ponendo limiti di lavoro ai loro datori di lavoro.

Quiet Quitting, sempre più popolare

La crescente popolarità del Quiet Quitting sta facendo sì che sempre più lavoratori si uniscano alla tendenza e scelgano la rinuncia silenziosa limitandosi a compiti essenziali, rigorosamente descritti per il loro lavoro in modo da evitare di lavorare più ore. Cioè, facendo il minimo sforzo perchè vogliono limitare il loro carico di lavoro.

In questo modo, i lavoratori stabiliscono limiti chiari per conciliare lavoro e vita. In altre parole, per questi lavoratori, Quiet Quitting connota più tempo di qualità con il loro ambiente vicino composto da familiari e amici. Ma Quiet Quitting significa anche più tempo per le loro attività personali.

quiet quitting rinuncia silenziosa foto 2

Ma tutto ciò non significa che trascurino i propri doveri lavorativi, quanto piuttosto che si discostino dalla cultura del “lavoro è vita” e non cerchino di distinguersi davanti ai superiori. Preferiscono attenersi ai compiti specifici del loro lavoro e una volta terminata la giornata lavorativa, si concentrano su compiti e attività non lavorative.

Perché è aumentato dopo la pandemia?

Ma è successo qualcosa con la pandemia di COVID-19 che ha indotto le persone a ripensare ancora di più alla propria carriera. In questo contesto appare Quiet Quitting, che ribalta la cultura del lavoro.

Il blocco e le restrizioni hanno fatto riflettere le persone sul proprio lavoro e cercare un nuovo modo per bilanciarlo con le proprie vite. Avevano più tempo per pensare e mettere in discussione le cose: lo afferma il rapporto Global Talent Trends 2022 di LinkedIn.

Nel tempo, le persone hanno iniziato a mostrare e promuovere il loro malcontento sui social network, sostenendo che il lavoro non è vita e le persone dovrebbero iniziare a cambiare le cose.

Il fatto di lavorare da casa ha anche collaborato con il cambio di paradigma nella cultura del lavoro e nelle dinamiche lavorative. Gli incontri tra dipendenti e dirigenti dovevano tenersi online e non erano più improvvisati ma programmati, conferendogli un carattere più formale. Inoltre, erano più limitati, causando una disconnessione tra dipendenti e management. Ciò potrebbe aver influenzato i lavoratori, che potrebbero aver sentito di non essere apprezzati così tanto o aver perso la connessione con il loro posto di lavoro.

I motivi alla base di Quiet Quitting in numeri

quiet quitting rinuncia silenziosa foto 4

Come abbiamo detto in precedenza, Quiet Quitting includerebbe ragioni che porterebbero le persone a rassegnare le dimissioni silenziose. Alcuni di essi sono: mancanza di impegno, esaurimento del lavoro e mancanza di crescita sia professionale che salariale. Tali ragioni sono rappresentate nei dati delle diverse relazioni e indagini effettuate negli ultimi anni che descriviamo di seguito.

Negli Stati Uniti si è verificato un fenomeno chiamato “Grande Rinuncia”, in cui i dipendenti riflettevano sulla loro carriera, sui loro stipendi, sul trattamento riservato loro sul posto di lavoro e sulla mancanza di opportunità di promozione. Poi accade l’inevitabile, 71,6 milioni di americani hanno lasciato il lavoro nel periodo da aprile 2021 ad aprile 2022, secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti. In media, 3,98 milioni di persone smettono mensilmente. Mentre a giugno 2022 la cifra ha raggiunto i 4,2 milioni di persone che hanno definitivamente rassegnato le dimissioni dall’incarico.

Mancanza di impegno e esaurimento del lavoro

Per quanto riguarda l’impegno lavorativo, un’indagine Gallup del 2021 rivela che solo il 36% dei lavoratori è impegnato nel proprio lavoro. Mentre un sondaggio di LinkedIn ha rilevato che le persone rimangono temporaneamente nelle loro posizioni attuali mentre cercano un altro lavoro. Questa permanenza transitoria è dovuta al semplice fatto di continuare a percepire uno stipendio fisso e prestazioni aggiuntive come l’assicurazione medica.

Da parte sua, il rapporto 2022 di Anatomy of Work di Asana ha rivelato che 7 dipendenti su 10 hanno subito un burnout nell’ultimo anno.

Inoltre, il rapporto ha mostrato che questo burnout ha portato i dipendenti a essere meno coinvolti nel proprio lavoro e a commettere più errori. È stato anche dimostrato che li porta a lasciare l’azienda di cui facevano parte. Ma si è scoperto che questi lavoratori erano anche maggiormente a rischio di basso morale.

Infine, la crescita salariale sarebbe un fattore importante che porterebbe le persone ad abbandonare gradualmente la propria carriera. Negli Stati Uniti, il tasso di inflazione ha raggiunto l’8-9% a luglio 2022 e l’aumento medio dei salari è stato del 3,4%. Ciò significa che i lavoratori guadagnano sempre meno, quindi questo sarebbe un motivo che li porta a mettere in discussione il loro impegno sul lavoro.

Pro e contro del Quiet Quitting

quiet quitting rinuncia silenziosa foto 5

Se stai pensando di unirti al trend del Quiet Quitting, o perché il tuo lavoro non ti rende felice o per altri motivi, devi sapere che ha i suoi pro e contro. Tanto sforzo sul lavoro può portare all’esaurimento e questo a sua volta può mettere a rischio la tua salute mentale e fisica. La rinuncia silenziosa può essere un modo per proteggere la tua salute mentale e fisica in un ambiente di lavoro tossico.

Rimanere in quel lavoro che non ti rende felice, tuttavia, toglie la possibilità di vivere esperienze arricchenti altrove. Quindi, scommettere su Quiet Quitting funziona contro di te. Ma d’altra parte, ci saranno persone per le quali Quiet Quitting lavora per stabilire dei limiti in modo che abbiano il tempo e l’energia per perseguire il loro progetto di passione. In altre parole, mentre rimani al tuo lavoro e pratichi il Quiet Quitting, potresti creare la tua attività e mettere l’energia extra nella tua stessa azienda.

Non tutti si sentono a proprio agio nel praticare l’abbandono silenzioso. Molte persone mantengono il lavoro per lo stipendio che ricevono di mese in mese, l’assistenza sanitaria e altri benefici. Pertanto, una pratica di questo tipo potrebbe essere una scommessa molto rischiosa in un ambiente di lavoro a rischio di recessione e con continui mutamenti delle condizioni economiche.

Si può trasformare in qualcosa di buono?

Sempre più persone si rifiutano di lavorare eccessivamente per evitare il burnout. Da parte loro, preferiscono conciliare lavoro e vita. Molti studi concordano sul fatto che questo equilibrio tra lavoro e vita privata è legato alla salute mentale.

Quiet Quitting mira a ristabilire quell’equilibrio quando il lavoro ha preso il sopravvento sul tempo dedicato alla vita personale.

Inoltre, Quiet Quitting aiuta le persone a mettere più limiti tra la loro autostima e il loro lavoro.

Invece di rifiutare il Quiet Quitting, i datori di lavoro potrebbero sostenere il benessere del proprio personale promuovendo l’equilibrio tra lavoro e vita privata. Ciò mostrerà loro che sono apprezzati, il che a sua volta amplificherà il loro coinvolgimento, produttività e lealtà. Quindi vincerebbero tutti.


Fonti:

  • Everyone Is Talking About ‘Quiet Quitting’ But Is It a Good Idea? – Tutti parlano di ‘Quiet Quitting’, ma è una buona idea? [bloomberg.com]
  • Qué es la “renuncia silenciosa” y por qué puede ser buena para trabajadores y empresas – Cosa sono le “dimissioni silenziose” e perché possono fare bene ai lavoratori e alle aziende [bbc.com]
  • Quiet quitting explained: Everything you need to know – Spiegazione di Quiet Quitting: tutto ciò che devi sapere [techtarget.com]
  • Quiet quitting: why doing less at work could be good for you – and your employer | Quiet quitting: perché fare meno sul lavoro potrebbe essere positivo per te e per il tuo datore di lavoro [theconversation.com]