L’intelligenza artificiale (AI) offre una varietà di vantaggi, ma uno dei più importanti è la sua versatilità. Diversi studi lo utilizzano per elaborare e interpretare grandi quantità di dati, soprattutto in ambito sanitario. Ora, un nuovo lavoro la ha utilizzata per scoprire e spiegare i crateri sulla superficie della Luna. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Communications, rivelano che il nostro satellite ha in realtà molti più crateri di quanto pensassimo. Più di 109 mila crateri decorano la bassa e media latitudine della sua superficie, e ognuno ospita una piccola parte della sua storia.

I crateri sulla Luna sono “fossili” che registrano la sua storia

La nostra luna è stata a lungo oggetto di ispirazione tra gli esseri umani e molte volte è stata usata come metafora per illustrare la bellezza più sperimentata. I crateri da impatto sono cicatrici lasciate dagli impatti di meteoriti, proprio come le esperienze della nostra vita lasciano un segno praticamente indelebile. Tuttavia, Chen Yang, professore associato di Scienze della Terra all’Università di Jilin in Cina, preferisce etichettarli come “fossili” che “registrano la storia del sistema solare”. E mentre coprono la maggior parte della superficie della Luna, variano notevolmente sia per dimensioni che per forma. Possono persino sovrapporsi ed erodersi nel tempo, rendendoli difficili da identificare e registrare dalla Terra.

Una rete neurale profonda addestrata per identificare i crateri lunari

Interessati a contarli e identificarli, i ricercatori hanno utilizzato l’intelligenza artificiale per velocizzare il lavoro e garantire una maggiore precisione. Per prima cosa hanno alimentato i dati di migliaia di crateri identificati in passato in una rete neurale profonda e poi gli hanno insegnato come trovare nuovi crateri sul satellite. Hanno quindi inserito i dati precedentemente raccolti dagli orbitanti lunari Chang’e-1 e Chang’e-2, la cui elaborazione ha portato a un’importante scoperta.

La Luna ha molti più crateri di quanto pensassimo: altri 109956 sono stati scoperti sulla sua superficie solo in questo studio. “È il più grande database di cratere lunare autoestraente per le regioni della luna a media e bassa latitudine”, ha detto Yang.

Relativamente grandi

I ricercatori affermano che una buona parte dei crateri identificati con l’intelligenza artificiale sono “piccoli” e “medi”; forse è per questo che non sono stati identificati in studi precedenti. Le loro dimensioni variavano da 0,6 miglia a 60 miglia (da 1 a 100 chilometri) di diametro. Nonostante ciò, sono ancora sproporzionatamente grandi rispetto a ciò che i terrestri sono abituati a vedere. Invece, quelli più grandi avevano un diametro di 341 miglia (550 km); molti di loro si erano erosi e avevano una forma irregolare.

E poiché gli autori li considerano fossili, vale la pena parlare della loro storia. L’algoritmo ha stimato che i crateri attraversassero cinque periodi geologici lunari della luna; alcuni di loro risalgono a circa 4 miliardi di anni. Quindi ora il numero di crateri lunari è più di una dozzina di volte maggiore di prima. E ora con il ritorno di Chang’e 5 potremmo essere in grado di imparare molto di più su di loro.


Fonte: Lunar impact crater identification and age estimation with Chang’E data by deep and transfer learning [www.nature.com]