Proprietà dell'aglio? Anche per combattere le infezioni | Salute News

“Se ogni bugia sapesse d’aglio, sulla terra non si potrebbe respirare”, recita un aforisma che ripropone un vecchio proverbio inglese sull’aglio. Ma in realtà l’aglio ha una lunga serie di virtù: antibiotico naturale contro la tosse, influenza, infezioni intestinali, è in grado di abbassare pressione, glicemia, colesterolo e trigliceridi, attenuare i disturbi epatici, funzionare come potente avversario di funghi e parassiti.

Una ricerca condotta da un team di scienziati dell’Università di Copenaghen (Danimarca) rivela inoltre che l’aglio ha la capacità di combattere i batteri, in forma terapeutica, delle infezioni croniche come la fibrosi cistica, o lesioni subite dai pazienti diabetici.

L’aglio è stato tradizionalmente considerato un alimento favorevole per prevenire e curare le infezioni nel corpo umano. Ippocrate, considerato il padre della medicina nella Grecia antica, ne raccomandava l’uso come terapia contro varie malattie e infezioni, e certamente in più di un’occasione si è parlato dell’aglio come un rimedio naturale per vari disturbi, come ad esempio quello di eliminare l’herpes labiale.

La ricerca è stata svolta da un team guidato da Michael Givskov, uno scienziato che ha analizzato gli effetti dell’aglio sui batteri dal 2005. Questi ricercatori hanno identificato il responsabile di questa azione antibatterica nel 2012. È un composto solforoso attivo chiamato ajoene che è in grado di distruggere componenti importanti nei sistemi di comunicazione dei batteri che coinvolgono le molecole regolatrici

dell’RNA.

Inoltre, attacca anche lo strato protettivo che copre il microrganismo, chiamato biofilm. Il nuovo studio, pubblicato su diverse riviste scientifiche, ha rivelato attraverso un esame più approfondito e documentato, la capacità che hanno le piccole molecole di inibire l’ajoene RNA normativo in due tipi di batteri, Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa.

La sostanza dell’aglio può combattere contemporaneamente e pertanto potrebbe essere usata per rafforzare l’effetto degli antibiotici. “Crediamo davvero che questo metodo possa portare al trattamento di quei pazienti che altrimenti hanno poche prospettive”, afferma Tim Holm, uno dei membri del team. “Abbiamo abbastanza conoscenze per continuare a sviluppare un farmaco a base di aglio e testarlo nei pazienti”. Nel caso in cui gli studi clinici avranno buoni risultati, è possibile iniziare a commercializzare il farmaco.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” questa scoperta potrebbe dare agli scienziati un nuovo bersaglio contro cui sviluppare farmaci anti-infettivi in particolare i batteri multi-resistenti.

“L’aglio: una vera superpillola con proprietà antinfiammatorie, antibiotiche, anti-impotenza, salvacuore e abbassa pressione. Insomma: un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino è un vero toccasana“, un aforisma raccontato da Umberto Veronesi e Mario Pappagallo.