Profezia: Donna predisse la morte di Kennedy e la Fine del Mondo nel 2020.

Tutto ciò ci fa riflettere e ci pone una domanda: è l’inizio dell’apocalisse? Tuttavia, è possibile che ciò fosse già stato previsto circa 50 anni fa.

Jeane Dixon era una nota sensitiva americana, nota nel secolo scorso per i suoi articoli e previsioni astrologiche. Tra questi, spicca l’omicidio di John F. Kennedy.

In un articolo pubblicato sulla rivista Parade Magazine del 13 maggio 1956, Dixon scrisse che le elezioni del 1960 sarebbero state vinte da un democratico grazie al voto dei lavoratori. Tuttavia, scrisse anche che sarebbe stato ucciso o sarebbe morto adempiendo a doveri.

Ovviamente, questo fatto fu così scandaloso che catturò l’attenzione di Richard Nixon, che la portò a essere portata nell’ufficio ovale grazie all’invito della first lady e della segretaria del presidente, Rose Mary Woods. La ragione dell’invito era di conoscere l’opinione di Dixon sul massacro di Monaco, dato che il presidente Nixon era alquanto paranoico al riguardo.

Grazie a questo incontro, è nato il Comitato antiterrorismo degli Stati Uniti, una decisione presa dopo che la donna aveva previsto un attacco terroristico agli Stati Uniti. Tuttavia, Nixon non fu il solo a prestare attenzione alle visioni della sensitiva. Secondo diversi rapporti, durante il suo mandato era anche consigliere di Ronald e Nancy Reagan.

Ma c’è una predizione che ha attirato l’attenzione di tutto il mondo. Una che potrebbe realizzarsi proprio quest’anno…

Le visioni della sensitiva che profetizzava l’anticristo e gli Illuminati.

The Call to Glory” è un libro pubblicato nel 1971 da Jeane Dixon. In questo libro afferma che tra il 2020 e il 2037 si svolgerà il secondo avvento di Gesù, e allo stesso tempo si svolgerà la “Battaglia di Armageddon“.

Ovviamente molte persone screditano la donna da quando aveva già predetto la fine del mondo nel 1961, tuttavia non aveva affatto torto. Il pianeta stava per entrare in una vera apocalisse nucleare a causa della crisi missilistica cubana.

Questo è il motivo per cui la tendenza a promuovere alcune previsioni corrette si chiama “Jeane Dixon Effect” ignorando tutti i fallimenti. Questo termine fu usato per la prima volta dal matematico John Allen Paulos della Temple University.

Ciò non fermò Dixon o i suoi credenti e, fino alla sua morte avvenuta nel 1997, vi fu una forte convinzione riguardo ai suoi poteri.

La citazione esatta del libro scritto da Jeane Dixon che parla di una possibile apocalisse per quest’anno recita come segue:

“Dobbiamo realizzare i nostri talenti e accettarli. Suonali come se fossero una sinfonia in cui tutti gli altri strumenti sono armonizzati per creare un universo migliore”.

“Quando una visione inizia a formarsi, tutto cambia, compresa l’aria che mi circonda. Non mi sembra di trovarmi nella stessa atmosfera. Sento una pace e un amore indescrivibili”.

“Sono sola e niente al mondo può toccarmi. Sento di osservare da un piano superiore e mi chiedo come gli altri non possano vedere quello che vedo”.

La veggente Jeane Dixon, il video

La veggente Jeane Dixon (Nascita: 5 gennaio 1904, Medford, Wisconsin, Stati Uniti – Decesso: 25 gennaio 1997, Washington, Stati Uniti) ha anticipato 60 anni fa l’arrivo di Donald Trump e il “caos” prima dell’anticristo. La famosa veggente americana aveva predetto l’arrivo di un presidente che “sale al potere a New York”. Jeane Dixon fu uno dei più famosi astrologi e sensitivi degli Stati Uniti nella seconda metà del secolo scorso, grazie a una serie di predizioni che coinvolgevano personaggi famosi del grande paese del nord.

Guarda il video e vieni a commentare l’articolo nella nostra pagina Spazio UFO su Facebook.