PRO EVOLUTION SOCCER 2014 – È guerra ormai da tempo quella fra PES e FIFA. Proprio ieri Konami ha deciso di far debuttare il nuovo capitolo di Pro Evolution Soccer. Da tempo però aveva perso il primato di titolo calcistico più venduto in Italia, così per riconquistare i fan, l’azienda produttrice di videogiochi ha deciso di apportare sostanziali modifiche.

Come prima cosa si può di certo notare il nuovo motore grafico, la ricerca di rendere il videogame sempre più realistico e l’intento di accrescere le licenze per i campionati. Alcuni sostenitori si lamentavano delle impostazioni d’azione che ora, grazie a qualche ritocco, fanno spostare e muovere i giocatori con senso e disciplina. Oltre i calciatori, che hanno un ruolo importante nel videogame, anche il contesto è stato migliorato rendendo più reali i campi di gioco.

Konami ha però riservati ai fan una piccola sorpresa: la funzione “Heart“. Il singolo giocatore, o anche la squadra, è in grado di sentire e apprezzare il tifo dagli spalti, di demoralizzarsi se sbaglia un tiro o di entusiasmarsi per un bel passaggio. In poche parole, il calciatore è in grado di provare delle emozioni che andranno ad influire sul suo corpo e sulla mente.

Purtroppo però, come di consueto per tutti i titoli, sono partite anche le critiche: alcuni giocatori sono irriconoscibili e nel campo di gioco non piove mai. Sicuramente però per il prossimo capitolo di PES, Konami prenderà spunto dagli errori passati come ha saputo fare con  questa edizione 2014 appena uscita.