Questa è l'opinione di Edward Snowden sulle Criptovalute

Edward Snowden, l’ex agente della National Security Agency (NSA) e della CIA, che ha rivelato nel 2013 l’esistenza di massicci programmi di spionaggio elettronico nel paese nordamericano, ha affermato oggi, su Fortune, di vedere più valore in criptovalute nel suo utilizzo, ma non incoraggia le persone a investire in esse.

Durante la sua partecipazione virtuale alla conferenza CoinDesk Consensus 2022, che si svolge ad Austin, in Texas (USA), ha sottolineato che ha bitcoin “per usarlo”. Pertanto, ha commentato che nel 2013 ha usato bitcoin per “pagare i server con un pseudonimo“.

“In generale, non incoraggio le persone a investire i propri soldi nelle criptovalute come tecnologia e questo è ciò che mi allontana da molte persone nella comunità”, ha aggiunto.

Allo stesso modo, ha difeso l’industria delle criptovalute di fronte alle recenti critiche di un gruppo di tecnologi e accademici, che hanno firmato una lettera indirizzata ai legislatori statunitensi criticando gli investimenti in criptovalute e la tecnologia “blockchain“, per esortarli a resistere all’influenza delle “lobby” in favore delle criptovalute e ha affermato che i firmatari lo stavano deliberatamente fraintendendo.

“La lettera è un argomento a favore dello ‘status quo'”, ha affermato l’esperto di tecnologia. “Ci sono molti modi per affrontare tutte le tue preoccupazioni. Tutte le persone che hanno firmato quest’ultimo potrebbero capire questo settore. Sicuramente dovrebbero”, ha aggiunto.