Nuova Mappa completa dell'Universo con più di un milione di Oggetti Spaziali.

Il telescopio spaziale a raggi X eROSITA ha completato la sua prima scansione completa del cielo, risultando in una nuova mappa dell’universo, che comprende più di un milione di oggetti cosmici, il doppio del numero di sorgenti di raggi X conosciute scoperte negli ultimi 60 anni.

“Questa immagine dell’intero cielo cambia completamente il modo in cui vediamo l’universo energetico“, ha affermato Peter Predehl, il principale investigatore di eROSITA presso il Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics a Garching (Germania), aggiungendo poi: “Vediamo una tale ricchezza di dettagli, la bellezza delle immagini è davvero impressionante“.

L’immagine – che è circa 4 volte più profonda di quella ottenuta dal precedente sondaggio condotto dal telescopio ROSAT 30 anni fa – rivela in dettaglio la struttura del gas caldo della Via Lattea e del mezzo circostante, che è la chiave per capire come si è formata la nostra galassia.

Inoltre, la mappa mostra stelle con potenti corone calde magneticamente attive, stelle a raggi X binarie, che contengono stelle di neutroni, buchi neri o nane bianche e resti di supernova.

A differenza di altri telescopi spaziali, eROSITA cattura le emissioni di raggi X dall’universo caldo ed energetico, quindi queste immagini sembrano molto diverse dalla maggior parte. I cluster di galassie appaiono come aloni a raggi X estesi a causa del gas caldo limitato dalle concentrazioni di materia oscura.

Il telescopio è stato lanciato il 13 luglio 2019 come parte della missione spaziale russo-tedesca Spektr-RG, che include anche il telescopio russo ART-XC. Il 21 ottobre eROSITA ha completato il suo viaggio di 1,5 milioni di chilometri verso il secondo punto Lagrange (L2) del sistema Terra-Sole (dove le forze gravitazionali di due grandi oggetti, in questo caso il Sole e la Terra, si bilanciano tra loro).