ISS ALLARME – Batteri mutanti possono sopravvivere in condizioni estreme e corrodere le attrezzature alla Stazione Spaziale Internazionale e possono rappresentare un grave rischio per la sua struttura e per l’integrità fisica dei suoi occupanti. E quanto emerge da una nota diffusa dal vice presidente della Accademia Russa delle Scienze.

Questi microorganismi sopravvivono alle temperature di congelamento che si trovano al di fuori dell’atmosfera terrestre, e lo fanno senza acqua, alimento o protezione dalla radiazionie solare o stellare che sono letali per molti altri esseri.

Anatoli Grigóriev, vice presidente della Accademia Russa delle Scienze, ha lanciato l’allarme durante una conferenza a Mosca. Lo scienziato ha detto che finora sono stati identificati 76 diversi tipi di batteri, precisando che, anche se la maggior parte di loro sono innocui, alcuni possono causare gravi danni fisici e materiali alla missione della ISS: “questi batteri stanno attaccando la stazione, questi organismi corrodono i metalli e polimeri e possono causare guasti … la proliferazione incontrollata di questi batteri può causare malattie infettive tra i membri dell’equipaggio“.

Gli esperimenti hanno dimostrato che questi organismi sono in grado di sopravvivere per molti anni nelle condizioni più estreme dello spazio esterno e non si sa a cosa sia dovuta la loro incredibile capacità di sopravvivenza o quanto lontano possano arrivare le mutazioni di questi batteri, e quindi rappresentare un reale pericolo per la ISS (Stazione Spaziale Internazionale).

La prima creatura vivente dalla Terra, originata per circa 4mila milioni di anni fa, era un batterio. Nonostante le dure condizioni di quel mondo primitivo, i batteri sono sopravvissuti e hanno colonizzato l’intero pianeta. Tutta la diversità della vita che esiste oggi, è stato sviluppata successivamente, ma nonostante questo siamo ancora vivia vive, oggi, in quello che la scienza chiama “l’era di batteri“. (fonte: EFE)