ORRORE IN NEPAL – Nonostante le numerose chiamate a porre fine allo spargimento di sangue, questo martedì è iniziata la Festa di Gadhimai Mela in Nepal, un rituale religioso indù che si celebra ogni 5 anni e rappresenta il più grande sacrificio di animali al mondo.

Centinaia di migliaia di fedeli sono arrivati nella remota città di Bariyarpur da varie regioni del paese e dalla vicina India per venerare la dea del potere, Gadhimai. La festa è iniziata con il massacro cerimoniale di una capra, un ratto, un pollo, un maiale e una colomba.

L’organizzazione del festival non ha specificato quanti animali verranno macellati durante l’evento, ma si stima che circa 6.

500 bufali perderanno la vita durante i due giorni del rituale. Dall’organizzazione Humane Society International la stima che il primo giorno furono decapitati circa 3500 bufali.

I difensori dei diritti degli animali hanno manifestato contro la violazione dell’ordine decretato dal presidente del Consiglio del Tempio che organizza la festa, che nel 2015 ha proibito questa tradizione secolare. Gli attivisti denunciano che né le agenzie governative né il tempio hanno attuato la decisione.

“I sacrifici sono iniziati oggi […] Cerchiamo di non supportarlo, ma le persone hanno fiducia nella tradizione e sono venute qui con le loro offerte”, ha dichiarato Birendra Prasad Yadav, membro del comitato organizzatore del festival.

Origine della sanguinosa tradizione

La festività è nata circa 250 anni fa, quando un prete ha sognato che uno spargimento di sangue avrebbe motivato la dea Gadhimai a liberarlo dalla prigione. Oggi, i pellegrini vengono a Bariyarpur credendo che lodare la dea attraverso i sacrifici attirerà la prosperità. Si stima che durante i due giorni della precedente celebrazione, tenutasi nel 2014, siano stati macellati circa 200 mila animali!