Mummia Aliena di Atacama, mistero risolto? [VIDEO]

Risolvono il Mistero della “mummia aliena” di Atacama: uno studio pubblicato sulla rivista Genoma Research rivela il dramma dietro uno scheletro mummificato trovato ad Atacama, in Cile.

La ricerca conferma che si tratta del corpo di una neonata con molteplici mutazioni genetiche. Anche se misura 13 centimetri, la dimensione di un feto, le prime analisi avevano suggerito che corrispondesse al corpo di una ragazza di età compresa tra i sei e gli otto anni. Queste caratteristiche insolite hanno portato a varie speculazioni sulla sua origine.

Ora, i test del DNA più recenti indicano che le dimensioni delle sue ossa e altre anomalie sono il risultato di mutazioni genetiche. Oltre alle sue piccole dimensioni, lo scheletro ha diverse caratteristiche fisiche insolite, come un minor numero di costole e una testa coniforme. Ata, come viene chiamata la mummia, è stata ritrovata più di 10 anni fa in una miniera nella città di La Noria, nel deserto di Atacama in Cile.

Quindi, in qualche modo, è finito in una collezione privata in Spagna. Il suo aspetto ha suscitato molte speculazioni. C’era persino un documentario che suggeriva che Ata potesse essere la prova di visitatori extraterrestri.

Indagini genetiche

Ma una nuova ricerca ha cancellato quelle teorie. Gli scienziati hanno analizzato il genoma di Ata, che contiene informazioni uniche per ogni essere umano. In precedenza, avevano già utilizzato questo metodo per verificare che Ata fosse un essere umano. Ora, il team ha rivelato che Ata era un bambino con mutazioni legate a nanismo, scoliosi e anomalie nei muscoli e nello scheletro.

Mummia Aliena di Atacama, mistero risolto? [VIDEO]

La cosa sorprendente, che fin dall’inizio ci ha fatto pensare che ci fosse qualcosa di strano, è stata l’apparente maturità delle ossa”, ha detto Garry Nolan, professore di microbiologia alla Stanford University in California. “Il corpo sembrava molto più maturo anche se il campione era più piccolo”, ha detto Nolan. “Crediamo che uno o più dei geni mutati ne siano stati responsabili”.

Ata ha solo 10 paia di costole, invece di 12, una caratteristica che non è mai stata vista negli esseri umani. “Pensiamo che la ragazza sia nata morta o sia morta subito dopo la sua nascita”, ha detto Nolan. “Era così mal formata che sarebbe stato impossibile nutrirsi.

Nelle sue condizioni sarebbe finito in terapia intensiva”. Lo scheletro, che rimane intatto, suggerisce che Ata sia nata circa 40 anni fa.

Una storia tragica

Il professor Nolan ha iniziato la sua ricerca nel 2012, quando un amico lo ha chiamato e gli ha detto che forse aveva trovato un alieno. “Quella che è iniziata come una storia aliena è in realtà una tragedia umana“, dice Nolan. “Una donna ha avuto un bambino malformato, è stato conservato e poi impegnato o venduto”. “Deve essere restituito al paese di origine e sepolto secondo le usanze della gente del posto”, ha aggiunto Nolan.

Gli esperti dicono che gli studi che fanno con Ata hanno il potenziale per migliorare la comprensione delle malattie genetiche delle ossa. “Non hai mai visto un caso come questo. Quindi nessuno ha controllato la sua genetica“, ha concluso Nolan.

Lo strano essere di Atacama, la mummia che sconvolge la comunità scientifica

Nel 2003, un archeologo ha trovato nella città di La Noria, nel mezzo del deserto di Atacama (Cile), uno strano essere che si chiamava Ser de Atacama o, addirittura, l’extraterrestre del deserto. Il suo aspetto, che le conferisce il titolo di mummia più piccola del mondo, è stato studiato da un gran numero di scienziati in tutto il mondo. Questi, che sono giunti a conclusioni diverse, hanno sempre cercato di conoscere la vera identità dell’Essere di Atacama. Cos’è veramente? Un primate? Un alieno? Un feto modificato?