Il miliardario americano e fondatore della catena BET (Black Entertainment Television), Robert Johnson (74 anni), ha detto lunedì che il governo di Washington deve pagare alla comunità afroamericana 14 miliardi di dollari come risarcimento per gli oltre due secoli di schiavitù subiti dalla popolazione nera.

“Un trasferimento di ricchezza è ciò che è necessario”, ha detto l’uomo d’affari in un’intervista con CNBC, spiegando che la misura compenserebbe gli effetti negativi di un eccessivo sfruttamento degli afro-americani.

Più di 200 anni di schiavitù, di lavoro svolto senza compensazione, questo è un trasferimento di ricchezza.

La negazione dell’accesso all’istruzione, che è il principale motore dell’accumulo di reddito e ricchezza, è un trasferimento di ricchezza“, ha affermato Johnson.

“La riparazione dei danni è un fattore normale in una società capitalista quando sei stato privato di determinati diritti”, afferma il miliardario, assicurando che il denaro distribuito in questo modo sarà incanalato verso il consumo e, in questo modo, “tornerà all’economia”. D’altra parte, crede che i soldi della compensazione aiuterebbero gli afroamericani a creare nuove imprese.