MESSICO – Il leader della sinistra messicana, Andrés Manuel López Obrador (alias AMLO), ha annunciato che cercherà in tutti i modi di annullare le recenti elezioni presidenziali, in cui ha partecipato arrivando secondo, e che hanno visto la vittoria di Enrique Peña Nieto.

Secondo il politico Andrés Manuel López Obrador, le elezioni sono da annullare in quanto sarebbero stati comprati oltre 5 milioni di voti. AMLO nei giorni scorsi, aveva ottenuto, anche grazie alla grande protesta popolare, di far eseguire dall’IFE (Istituto Federale Elettorale) un nuovo conteggio di una percentuale delle schede elettorali, che portarono alla conferma della vittoria di Peña Nieto del PRI.

A protestare e a denunciare le molteplici irregolarità avvenute prima e durante le elezioni del primo luglio scorso, migliaia di studenti (con il movimento indipendente

#YoSoy132) e gente comune, i quali sono scesi nelle piazze e nelle strade delle principali città messicane in questi ultimi giorni.

La sede del canale televisivo Televisa a Città del Messico (Distretto Federale),  è stata meta continua dei manifestanti, che accusano il canale di aver appoggiato, con una “disinformazione da dittatura“, il nuovo presidente Peña Nieto.