LISCIANTI PER CAPELLI ALLA FORMALDEIDE – 33 mila prodotti cosmetici per capelli contenenti formaldeide sequestrati dalla Guardia di Finanza di Brescia.

Operazione Riccioli d’oro, il nome dell’operazione le cui indagini, iniziate nel novembre 2010, hanno portato al ritiro dal commercio e dall’utilizzo nei saloni di bellezza e parrucchieri su tutto il territorio nazionale dei prodotti per capelli incriminati di contenere percentuali di formaldeide molto più alte di quelle consentite.

Le indagini presero il via dai casi riportati in cronaca di donne ricoverate in ospedale dopo il trattamento di lisciatura dei capelli nei saloni di parrucchiere.

La formaldeide, cancerogena, commercialmente nota anche con il nome di formalina, è una sostanza chimica che fa parte della lista delle sostanze più pericolose per l’uomo. Usata nell’industria cosmetica per i suoi effetti liscianti, ma incriminata di favorire l’insorgenza di malattie tumorali e sclerosi.

Secondo la legge dello Stato Italiano, il contenuto di formaldeide nei prodotti cosmetici deve essere inferiore allo 0,2%. Nei campioni dei 33 mila prodotti sequestrati si raggiungevano concentrazioni di formaldeide ben maggiori, in 23 di questi prodotti liscianti i valori erano 35 volte superiori a quello consentito.

I prodotti sequestrati sono 70, per un totale di 33 mila flaconi intatti e altri 16 mila in fase di utilizzo, le società coinvolte 5 in quattro località: a Napoli, Bologna (Casalecchio di Reno), Roma (Ciampino), Pisa (Montescudaio). I rappresentanti legali delle società sono stati rinviati a giudizio, 21 persone sono state denunciate per importazione illecita, soprattutto dal Brasile, distribuzione e applicazione dei suddetti prodotti cosmetici liscianti per capelli.