Il cantante Mango (all’anagrafe Giuseppe Mango) aveva fatto un sogno la sera prima del concerto in cui sembrava aver previsto la sua morte. L’artista e’ scomparso domenica 7 dicembre a causa di un infarto durante un concerto live che stava tenendo a Policoro, mentre suonava la tastiera nel famoso pezzo di successo dal titolo “Oro“. Improvvisamente ha smesso di suonare e scusandosi con il pubblico Mango si e’ accasciato cercando di resistere con tutte le sue forze al malore che poi gli avrebbe tolto la vita a 60 anni compiuti da poco. La cosa incredibile e’ che il cantante aveva raccontato al pubblico del sogno fatto la sera prima nel quale si era visto “bere del buon vino con Fabrizio De Andrè“. E pochi minuti dopo questa rivelazione, Mango e’ stato colpito dal micidiale infarto lasciando la moglie Laura Valente (ex cantante Matia Bazar), un figlio di diciannove anni e una figlia di tredici.

Contorni che arricchiscono questa triste storia ad altre rare coincidenze. Come ad esempio la morte del fratello maggiore Giovanni di 75 anni probabilmente a causa anche lui di un infarto. Fatto successo durante la veglia funebre del fratello. Anche i due fratelli minori, Armando (collaboratore in molte produzioni artistiche di Pino) e Michele, hanno avuto un malore, ma poi fortunatamente sono stati dimessi. I funerali di Mango si sono svolti il 10 dicembre nella Chiesa Madre di Lagonegro, la sua città natale, dove il sindaco aveva proclamato un giorno di lutto cittadino, e nel pomeriggio dello stesso giorno nella chiesa di San Giuseppe si sono svolti i funerali del fratello Giovanni.

Leggi anche: Musica, l’ultimo saluto a Mango: i funerali e “La Rondine”.