Come segnano il territorio i gatti, scoperta dei genetisti americani: ipotesi della fermentazione.

Siamo sicuri che questa ultima notizia non piacerà agli amanti di questi felini domestici. I gatti segnano il loro territorio con odori prodotti dai batteri del loro ano.

I genetisti americani hanno scoperto che i batteri producono la maggior parte delle sostanze odorigene che si trovano nella secrezione delle ghiandole anali di un gatto del Bengala. In questo modo, hanno confermato l’ “ipotesi della fermentazione“, secondo la quale le sostanze odorose dei mammiferi sono il prodotto del metabolismo dei loro batteri simbiotici. Il lavoro è stato pubblicato su Plos ONE.

I batteri simbiotici vivono in tutto il corpo dei mammiferi, incluso nelle ghiandole anali, piccole sacche che si trovano sui lati dell’ano in molti membri dell’ordine predatorio.

Gli scienziati ritengono che batteri simbiotici possono partecipare alla creazione di un odore caratteristico, con cui gli animali segnano il territorio. Quindi, secondo l’ “ipotesi della fermentazione“, i batteri metabolizzano la secrezione delle ghiandole anali e producono sostanze odorose che fungono da etichetta.

Questa ipotesi ha molte prove, ma tutte sono indirette. Ad esempio, è noto che i topi microbici che vivono in condizioni sterili non producono trimetilammina, un componente chiave dell’odore del topo. E le ghiandole della mangusta smettono di odorare se trattate con antibiotici.

Microbiomi e odori.

Mei Yamaguchi e i suoi colleghi dell’Università della California hanno studiato i microbiomi delle ghiandole anali di un altro carnivoro: il gatto del Bengala. L’esperimento ha coinvolto un animale, che il proprietario ha accettato di provvedere allo studio. Il team ha raccolto secrezioni dalle ghiandole anali del felino, batteri isolati e sostanze odorose.

Gli scienziati hanno scoperto che il 98% dei germi nelle ghiandole anali appartiene a soli 6 generi.

Tutti sono stati precedentemente trovati nell’intestino o nel tratto urinario dei mammiferi. I ricercatori sono riusciti a formare rappresentanti di tre di questi generi in laboratorio e raccogliere prodotti metabolici.

Si è scoperto che i batteri producono 57 diverse sostanze odorose.

Di questi, 52 coincidono con ciò che i ricercatori hanno scoperto nella secrezione delle ghiandole anali (da lì sono state isolate in totale 89 sostanze). 11 sostanze (aldeidi, alcoli, acidi grassi a catena corta e altri) sono state precedentemente trovate negli escrementi del gatto o di altri mammiferi predatori.

Inoltre, gli scienziati hanno descritto 41 sostanze per la prima volta, che in precedenza non erano state trovate nelle secrezioni delle ghiandole anali. Tuttavia, tutti possono essere sottoprodotti di processi biochimici batterici e alcuni alcoli aromatici non si formano affatto nel corpo dell’animale.

La maggior parte delle sostanze odorose nei gatti sono di origine batterica.

Pertanto, gli scienziati hanno aggiunto un altro argomento per l’ “ipotesi della fermentazione”: la maggior parte delle sostanze odorose nei gatti sono di origine batterica. Si può presumere che il corpo dell’animale supporti specificamente la comunità microbica nelle ghiandole anali per fornire sostanze odorose.

Allo stesso tempo, un insieme di batteri in sé può servire da segnale e informare sulla forma fisica dell’individuo che ha lasciato il segno e se è correlato a colui che riconosce questo segno. D’altra parte, in parenti stretti, la composizione del microbioma può essere simile.

Nell’uomo, i microbi possono anche essere una fonte di odore. Pertanto, ad esempio, un trapianto di batteri ha aiutato i pazienti con osmidrosi, un forte e sgradevole odore di sudore, ad eliminare i sintomi della malattia.