Maltempo Neve, Emergenza Teramo: "cominciano le frane, terreno imbevuto d'acqua", carenza idrica

ULTIME NOTIZIE TERAMO – “Le cose non vanno bene, sono arrivati dei mezzi, ma sono insufficienti. Io sono tornato proprio adesso e abbiamo finalmente raggiunto una frazione isolata oramai da quattro giorni. Però adesso abbiamo il problema che ci sono case sparse isolate che hanno finito il carburante dei gruppi elettrogeni personali e che sono in grande difficoltà, con bimbi piccoli. Ormai è scesa la notte, quindi il problema è amplificato. Continua l’emergenza energia elettrica, abbiamo ancora tante zone senza energia elettrica e quindi senza riscaldamenti e quindi al freddo. In alcune case sappiamo che incominciano a scarseggiare anche i viveri, quindi davvero la situazione inizia a farsi difficile, perché diventa difficile raggiungere questi posti”.

Sono le parole del sindaco di Teramo Maurizio Brucchi intervistato da Radio 24 il quale prosegue: “Cominciano le frane perché il terreno è imbibito d’acqua. Ne abbiamo una proprio in pieno centro, lungo una scarpata, diciamo su una circonvallazione, ma ne abbiamo anche diverse su tutto il territorio.

Questa sarà una conseguenza naturale che avverrà nei prossimi giorni. L’esercito è venuto con un mucchio di mezzi. Stasera sono arrivati altri tre mezzi. Quindi, insomma, c’è da lavorare. C’è anche carenza idrica in alcune zone perché abbiamo dovuto privilegiare gli ospedali e in alcune zone della città è mancata l’acqua, quindi davvero una Regione e una città in ginocchio”.

Al giornalista di Radio 24 Simone Spetia che chiede quante famiglie non sono riusciti a raggiungere, il Sindaco risponde: “Siamo nell’ordine delle migliaia. Stamattina eravamo nell’ordine di otto/novemila persone. Adesso comincia ad esserci il problema delle case sparse, perché sono case isolate che non sappiamo nemmeno se le persone sono ancora vive. Bisogna pensare a raggiungere queste persone”.

“È l’aspetto – continua il sindaco di Teramo – più importante perché il territorio teramano è un territorio molto vasto, è una città di cinquantaseimila abitanti come Comune, che però si allarga su un territorio vastissimo, quasi tutto collinare perché Teramo è a ridosso delle pendici del Gran Sasso, quindi è collinare con zone dove ci sono tre metri, tre metri e mezzo di neve. Poi se parliamo di tutto l’hinterland della Provincia, dove ci sono quarantasette comuni, ci sono comuni dove la neve arriva a coprire le case”.