Salute News: Luce sui fattori psicologici che incidono sull’obesità

SALUTE NEWS – Con la crescente diffusione negli ultimi anni, l’obesità infantile è diventata una preoccupazione per la salute globale. La percentuale di bambini e adolescenti colpiti dall’obesità negli Stati Uniti è più che triplicata dagli anni ’70. Sulla base delle tendenze attuali, l’OMS stima che entro il 2025 ci saranno 70 milioni di bambini in sovrappeso o obesi in giovane età. Senza intervento, i bambini pingui molto probabilmente continueranno ad essere obesi nell’adolescenza e nell’età adulta.

Poiché l’obesità è associata ad un aumentato rischio di sviluppare numerose gravi complicazioni di salute e disturbi cronici, come il diabete e le malattie cardiache, c’è stato uno sforzo concertato per aiutare le famiglie a superare l’obesità infantile. Le cliniche di gestione del peso sono in prima linea in questa iniziativa e hanno ottenuto un notevole successo.

Il Centro Nemours di Healthcare Delivery Science e Nemours Division of Weight Management ha voluto identificare i fattori che determinano il successo dei programmi di controllo del peso nei bambini. Il loro ultimo studio ha esaminato l’effetto dei rischi psicologici e sociali, come problemi comportamentali dei bambini, eventi stressanti, come incidenti, lutti, separazioni o divorzi e difficoltà finanziarie familiari.

Thao-Ly Tam Phan, pediatra della Nemours Weight Management Clinic, ha spiegato le motivazioni del loro studio: “Studi precedenti hanno rilevato che la maggior parte dei bambini che ricevono un trattamento interdisciplinare nelle cliniche di gestione del peso riesce a raggiungere un peso più sano. Le cliniche di gestione del peso riportano tassi di abbandono significativi, limitando il numero di pazienti che beneficiano del trattamento”.

Dato l’impatto significativo “che i fattori di rischio psicosociale sembrano avere sui risultati nel trattamento della gestione del peso, identificare e affrontare i problemi di salute mentale dei genitori, i problemi di comportamento dei bambini e le esigenze delle risorse sociali familiari in anticipo può aiutare a migliorare i risultati nei bambini con obesità“.

I bambini che devono affrontare stress familiari corrono il rischio di diventare obesi in misura doppia rispetto agli altri.

L’obesità sarebbe quindi condizionata da fattori stressanti che si vivono nel contesto familiare. Lo studio ha reclutato 100 famiglie durante la loro prima visita alla clinica di gestione del peso per un bambino di età compresa tra 4 e 12 anni. Più della metà dei bambini era classificata come gravemente obesa e più della metà delle famiglie iscritte aveva punteggi di rischio psicosociale da moderati ad alti.

La percentuale di famiglie con un punteggio di rischio da moderato ad alto sullo strumento di valutazione psicosociale (PAT), che valuta il rischio psicosociale di famiglia, era il doppio della media. Lo studio ha rilevato che i bambini di famiglie con punteggio PAT a rischio moderato-alto erano più di 3 volte più probabilità di interrompere la frequentazione della clinica e avevano più del doppio delle probabilità di avere un aumento dell’indice di massa corporea (BMI) rispetto ai bambini di famiglie di giocatori.

Il tasso di abbandono tra i 14 bambini che stavano ricevendo interventi psicologici come componente del loro trattamento di gestione del peso era meno della metà di quello riscontrato nei bambini rimanenti. I ricercatori ora effettueranno ulteriori studi per valutare l’impatto a lungo termine del rischio psicosociale e l’effetto dei servizi psicosociali sulle famiglie di bambini con obesità.

Questi risultati evidenziano insieme quanto siano importanti i fattori psicosociali della famiglia per i comportamenti e il peso della salute di un bambino”, ha dichiarato la dottoressa Anne E Kazak, della Nemours Children’s Health System.

Questo studio, rileva Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha evidenziato come i bambini che devono affrontare stress familiari corrono il rischio di diventare obesi in misura doppia rispetto agli altri.

L’obesità sarebbe quindi condizionata da fattori stressanti che si vivono nel contesto familiare. La ricerca, dunque rappresenta un passo in avanti nell’ambito dell’individuazione delle cause dell’obesità, che, come è risultato dallo studio, sono imputabili non solo a fattori di tipo biologico, ma affondano le loro radici anche in elementi psicologici, sui quali si può intervenire attraverso un’efficace prevenzione e per mezzo dell’adozione di un adeguato stile di vita.