FOTO - Cosa sta succedendo in Libia?

ROMA – Ieri l’avviso di sicurezza su Viaggiare Sicuri, oggi l’annuncio della Farnesina. Dopo un vertice al Ministero degli Affari Esteri sulla crisi in Libia con l’ambasciata a Tripoli, l’unica rimasta aperta, si stanno contattando tutti gli italiani per organizzare il loro rientro in Italia. Nelle ore precedenti, sempre a causa dell’aggravarsi della crisi libica dopo gli scontri a Bengasi, sono stati fatti rimpatriare più di 120 connazionali e una trentina di persone di altre nazionalità. Programmati inoltre, per i prossimi giorni, altri voli aerei per gli ulteriori trasferimenti.

“A fronte del progressivo deterioramento della situazione di sicurezza in Libia e dei recenti scontri che stanno interessando in questo periodo in particolare la capitale, si ribadisce ai connazionali il pressante invito a non recarsi in Libia ed a quelli tuttora presenti a lasciare temporaneamente il Paese”. Con queste parole era stato emesso l’avviso di sicurezza per quanto riguarda la Libia sul sito Viaggiare Sicuri.

Cosa sta succedendo in Libia?