LA SALUTE DI BRUNO ARENA – Vi abbiamo dato notizia qualche giorno fa (e lo confermiamo) che Bruno Arena non è più in coma, che ha aperto gli occhi. La news l’avevamo trovata sulla pagina Facebook del duo Fichi d’india, il post era stato scritto dal socio, collega e “gemello” Massimiliano Cavallari. La notizia che bruno Arena fosse uscito dal coma vigile non aveva trovato riscontro nel bollettino medico dell’agenzia che gestisce i due comici, la Ridens Management. Ma, di fronte alle insistenti richieste dei fan di una conferma, sempre su Facebook, Max ci rincuorava dicendo che sì, era proprio vero. Anche il Quotidiano di Varese scrisse della notizia, e in breve la voce si è sparsa sul web. Ieri, 1° marzo, nel bollettino medico ufficiale che la Ridens pubblica ogni sera da quando Bruno è entrato in riabilitazione, i chiarimenti della situazione. Non solo le notizie dell’ultim’ora, ma un comunicato che Massimo Zoli, il manager, ha diffuso per tranquillizzare i tanti fan in ansia per le condizioni di salute di Bruno Arena. “l’esatta situazione aggiornata sulle condizioni di Bruno Arena. Purtroppo ancora non possiamo definirlo fuori pericolo nonostante sia fuori dal coma: la prognosi rimane ancora riservata anche se negli ultimi giorni Bruno Arena ha iniziato ad avere alcune reazioni coscienti, ha aperto gli occhi, mosso le

braccia ed una gamba. Queste reazioni in seguito agli stimoli legati alla terapia sono certamente un ulteriore buon segnale verso la guarigione ma fino a quando il risveglio non sarà completo i medici non potranno capire con esattezza la situazione clinica e sciogliere la prognosi”.

Più che comprensibile, per Zoli e per noi, che l’entusiasmo dell’amico Max superi talvolta le barriere delle comunicazioni ufficiali; che i segnali di ripresa per chi è affezionato abbiano una valenza diversa che per i medici. Nessun errore, nessun inganno, nessun fraintendimento. Al buonsenso di ognuno attenersi all’ufficialità dei bollettini medici, continuando a sperare e pregare per Bruno con lo stesso affetto che Max dedica al suo “gemello” e a noi fan. Tra informazioni strettamente mediche e la sensibilità dell’amico e dell’artista, continuiamo ad infondere energia positiva, a bruno, a Max, a alla famiglia di Bruno Arena, ovviamente, e a diffonderla fra tutti noi.