L’OMBRA DELLO SCANDALO SUI MIDDLETON – Sfruttamento del lavoro minorile e lavoratori sottopagati, da parte della Party Pieces, l’azienda di famiglia dei Middleton specializzata in articoli per party e feste.

La denuncia sulle pagine del tabloid britannico Daily Mail: i gadget messi in commercio dalla ditta verrebbero prodotti a basso costo utilizzando manodopera proveniente dai ghetti della città di Tijuana, in Messico. Per gli abitanti della baraccopoli che circondano la città messicana di confine di Tijuana, lavorare nelle proprie case significa non percepire nemmeno il salario minimo del Messico, circa 49 pesos l’ora. Anzi, una parte dei loro ricavi deve essere reinvestita per l’acquisto dei materiali che utilizzeranno per realizzare le decorazioni per feste a tema.

Javier Perez Quintero afferma di essere un dirigente che lavora per una grande azienda americana e dovrebbe essere colui che gestisce le operazioni, a giudicare dal suo indirizzo email eserciterebbe per conto della Amscan.

Amscan è l’azienda produttrice e rivenditrice all’ingrosso e al dettaglio, di decorazioni per le feste e articoli da regalo, che fornisce l’impresa familiare dei Middleton ed altre società britanniche, tra cui catene di supermercati come Tesco.

In particolare la rivista Daily Mail cita una famiglia in cui oltre ai genitori, per sbarcare il lunario, sarebbero coinvolti nel lavoro anche i loro figli piccoli. Una famiglia che ha accettato di parlare della produzione di giocattoli e oggettistica destinati alla Party Pieces, l’azienda che ha reso i Middleton milionari.

La Party Pieces di Carole e Michael Middleton, in seguito alla diffusione della notizia e alla pioggia di critiche, ha risposto alle domande dei consumatori su Twitter, dicendo: “In qualità di rivenditore responsabile prendiamo sul serio le accuse. Lavoreremo con i nostri fornitori per indagare su queste affermazioni“.

Carole e Michael Middleton hanno lasciato il loro lavoro nella British Airways per poi mettere in piedi nel 1987 l’azienda che oggi impiega più di 30 persone, tra cui la figlia Pippa, che ne cura l’immagine online. Anche Kate Middleton era una dipendente part-time dell’azienda prima di sposare il principe William. La vicenda, ovviamente, sta creando imbarazzo alla famiglia reale. Si tratta della prima vera grande ombra che si staglia sulla persona della duchessa di Cambridge, anche se indirettamente. Vero è che gli stessi signori Middleton, potrebbero davvero non essere stati consapevoli della provenienza dei gadget rivenduti dalla loro azienda. Anche per loro volere, è stata aperta un’inchiesta ulteriore sulla vicenda.