L’associazione inglese a favore dei bambini poveri, Comic Relief, ha chiesto scusa ai suoi sostenitori dopo le polemiche provocate da Frankie Boyle durante il concerto di beneficenza del 6 marzo al Wembley Arena. Scalpore e risentimento nel pubblico per una serie di gag: sulla recente malattia della regina Elisabetta II e la gravidanza di Kate Middleton, tra le altre.

Un portavoce dell’associazione Comic Relief ha spiegato che il concerto Give It Up per Comic Relief ha incluso gli interventi di una serie di comici e performer che hanno accettato di mettere a disposizione il loro tempo per sensibilizzare l’opinione pubblica e aiutare la raccolta di fondi da devolvere in beneficenza. Aggiungendo: “Ci rendiamo conto che non tutti i personaggi che partecipano alla nostra campagna sono adatti per tutti i gusti, spero che i nostri sostenitori non siano stati offesi e che continueranno a sostenere l’iniziativa Red Nose Day“.

In particolare, le battute contestate sono state quelle che prendevano di mira la malattia della Regina, facendo riferimento alla recente degenza per la gastroenterite e ironizzando sul suo ipotetico decesso avvenuto la notte prima del compimento dei 50 anni del Regno.

Anche per Kate Middleton incinta battute pesanti, con la conclusione: “Non posso credere che sia incinta, ad essere onesti, perché lei mi ha detto che prendeva la pillola”.

Il concerto, che è stato organizzato da Russell Brand, ha visto l’intervento di grandi nomi: Jack Whitehall, Noel Gallagher, Jessie J. ed è andato in onda in TV su BBC Three mercoledì sera, ma l’intero intervento di Boyle è stato tagliato, come anche parte della performance di Jack Whitehall. Le giustificazioni della BBC ai tagli sono state che lo spettacolo registrato sforava la lunghezza prevista per la trasmissione.