EFFETTO KATE: l’abito indossato dalla duchessa di Cambridge fa impazzire il mondo della moda, promuove gli stilisti britannici o incoraggia l’high street fashion.

Il gusto di Kate Middleton in tema di abbigliamento funziona da incentivo alle vendite per molte imprese del Regno Unito. La casa di mode britannica Alexander McQueen, ad esempio, ha fornito un rapporto dell’andamento della sua attività che registra un incremento crescente di pari passo con la popolarità di Kate Middleton del giro di affari in Gran Bretagna, in America, e qui da noi in Italia.

Kate ha sposato il principe William indossando un abito Sarah Burton per Alexander McQueen, la cerimonia è stata vista da miliardi di spettatori in TV e dal mese di aprile 2011 la casa di mode Alexander McQueen ha registrato un notevole aumento delle vendite.

Alexander McQueen è la firma che Kate Middelton sceglie spesso per le grandi occasioni.

Orla Kiely, stilista di origini olandesi, ha assistito ad un balzo del 20% in più di vendite dopo che Kate è stato vista indossare il suo vestito marrone in tessuto stampato.

Accresciuto interesse per tutti gli stilisti più amati da Kate Middleton. La stilista preferita della duchessa: Jenny Packham.

Alta moda e non solo: la stilista Alice Temperley fa notare che: Kate Middleton è una “boccata d’aria fresca” per il mondo della moda. “Ha incoraggiato la gente a sperimentare e combinare l’alta moda con la moda high street“.

L’approvazione del timbro reale dell’eleganza, infatti, ha contrassegnato anche brand di prêt-à-porter come Reiss, Zara, Whistles e LK Bennet.

LK Bennet, salito alla ribalta grazie all’abito verde acqua indossato durante uno degli appuntamenti del Giubileo della Regina e soprattutto alla passione della duchessa di Cambridge per le scarpe LK Bennet.

Le scarpe di LK Bennet sono diventate un cult, indossate spesso anche da Pippa Middleton. Persino criticata la scelta ossessiva di Kate che pare ne abbia acquistate un intero stock!

Whistles, scelto da Kate per la camicetta del suo fidanzamento ufficiale e per l’abito di seta della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi 2012.

Reiss, che sul proprio sito ha una sezione con le foto di Kate Middleton e altre celebrità che indossano i suoi abiti, ha comunicato: “Non c’è alcun dubbio che Kate scegliendo di indossare il nostro marchio ha avuto un impatto.Abbiamo notato un aumento significativo in termini di interesse e di diffusione del marchio a livello globale“. Reiss, con più di 100 negozi principalmente in Gran Bretagna, ha avuto un incremento delle vendite del 12% nel 2011. Il sito web di Reiss è stato travolto dalle ricerche dopo che Kate Middleton ha indossato uno dei suoi abiti per incontrare Obama nel maggio 2011.

Zara, azienda spagnola di distribuzione tessile, con 64 negozi del Regno Unito, ha registrato un aumento del 10% sulle vendite. L’abito Zara in pizzo nero, da 70 streline, è stato esaurito dopo che Kate ne aveva indossato uno a un concerto di Gary Barlow nel mese di dicembre.

Effetto Kate: la moda britannica alla ribalta! La diffusione nel mondo del concetto di high street fashion e gusto personale.