Jessi Combs è morta, "la donna più veloce del mondo", mentre cercava di battere il record di velocità.

Come pubblicato su Instagram giorni prima della tragedia, la star di “Mythbusters” intendeva raggiungere i 996 chilometri orari con un’auto a propulsione reattiva,  una vettura-jet di 17 metri dotata di un motore a reazione da 45.500 cavalli.

La pilota automobilistica Jessi Combs, 39 anni, è morta martedì mentre cercava di battere il record di velocità per le auto a quattro ruote per le donne nel deserto di Alvord, nello stato dell’Oregon. Come riferisce il Washington Post, “la donna più veloce del mondo su quattro ruote“, dopo aver stabilito un record di 640 km/h nel 2013, è morta in un incidente mentre tentava di migliorare il record. Terry Madden, un membro del suo team, ha confermato la sua morte sul suo account Instagram.

“Sfortunatamente l’abbiamo persa ieri in un orribile incidente, sono stato il primo ad arrivare e credetemi, abbiamo fatto tutto il possibile per salvarla”, ha scritto. Secondo quanto pubblicato sullo stesso social network dalla stessa Jessi Combs giorni prima della tragedia, intendeva raggiungere 996 chilometri all’ora con un’auto a propulsione reattiva chiamata “North American Eagle“.

Jessi Combs aveva battuto il record due volte, quindi è diventata famosa come “la donna più veloce su quattro ruote”. È apparsa in spettacoli popolari come “MythBusters“, “Overhaulin“, “Extreme 4×4” e “All Girls Garage“. “Le cause dell’incidente, avvenuto sul letto di un lago secco, sono oggetto di indagine”, ha riferito lo sceriffo della contea.