BATTUTE E POLEMICA – Alessandro Bianchi nell’ultima puntata del programma di Italia 1, fa indignare con battute antisemite e omofobe. Lo sketch criticato da UCEI e Equality Italia, che chiedono scuse pubbliche, si può rivedere in video sul sito Mediaset. È tratto dalla trasmissione Colorado Cafè, il programma comico condotto da Paolo Ruffini, andata in onda su Italia 1 domenica 18 novembre 2013.

Il comico Alessandro Bianchi, nei panni di pilota e steward di una ipotetica compagnia aerea low cost, parlando ai “passeggeri” dice: “Mancano ancora tredici euro e 50, non fate i rabbini, vuotate le tasche”, provocando l’indignazione dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

In un’altra battuta, la deprecabile chiamata in causa del politico Nichi Vendola; e sotto accusa da parte dell’associazione che opera per i Diritti Civili anche il riferimento a petardi fatti esplodere nel lato B, presumibilmente maschile.

Battute basate su stereotipi antisemiti e omofobi che, a detta di Aurelio Mancuso, presidente Equality Italia, che sottolinea come ci siano precedenti nell’utilizzo di espressioni discriminatorie nelle scenette comiche di Alessandro Bianchi. “Non chiediamo censure, pensiamo, però, di dover esprimere la nostra protesta, e di poter pretendere il rispetto delle minoranze e delle persone”.

Auspicabili, per il presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Renzo Gattegna, scuse formali da parte del comico e della produzione del programma, che si rivolgono oltretutto al pubblico giovane, in prima serata su Italia 1, totalizzando più di 2 milioni di telespettatori a puntata.