Gallo Maurice vince in tribunale, canterà all'alba felice per sempre.

Vive la france! Il gallo Maurice ha vinto in tribunale e potrà continuare a cantare ogni mattina per il resto della sua vita con i suoi “chicchirichi“. La curiosa storia si è conclusa con una sentenza del tribunale della cittadina aquitana di Saint-Pierre-d’Oléron. E’ stata respinta così la richiesta di un vicino di casa che, infastidito, aveva fatto causa alla proprietaria del pollo, Corinne Fesseau.

Li abbiamo spiumati“, ha poi commentato con ironia la proprietaria del gallo, la quale riceverà anche mille euro dai vicini come “risarcimento danni con gli interessi“. Il legale della signora ha spiegato che Maurice ha vinto perché “nel diritto francese occorre dimostrare una molestia e questo non è stato fatto”.


Il canto del gallo disturba i vicini? A processo.

9 Giugno 2019 – Il gallo cantava e disturbava i vicini. La storia è finita in Tribunale con un processo nella corte distrettuale di Rochefort (sud-ovest della Francia) che è stato rinviato per ragioni formali di scambio di documenti tra avvocati. Il gallo Maurice, “stanco”, non era presente all’udienza di giovedì diversamente dai querelanti, una coppia di pensionati. Il proprietario dell’uccello, la signora Corine Fesseau, ha dichiarato giovedì mattina di essere “aperta a qualsiasi dialogo per chiudere la vicenda”.

I querelanti, diversamente, prima del processo “hanno chiuso le porte a qualsiasi trattativa”.

Il suo avvocato Julien Papineau ha anche assicurato alla stampa, prima dell’udienza, che “nessuna conciliazione era possibile”. Il signor Vincent Huberdeau, per i querelanti, ha affermato al contrario che i suoi “clienti hanno scritto al sindaco di Saint-Pierre-d’Oléron, Christophe Sueur, per trovare una soluzione amichevole, esigendo solo che il gallo venga rinchiuso di notte.

E questo, secondo la denuncia, non si limitava a cantare all’alba, ma il suo chicchirichì si sentiva spesso, un po’ a tutte le ore del giorno, forse perché libero di muoversi nel giardino della casa della signora che poi è finita a processo. Di solito il gallo, colorato e vispo, stava appollaiato su un ramo di un albero del giardino e di lì amplificava il suo verso che arrivava come disturbo ai vicini di casa. I due pensionati avevano pregato la donna di risolvere il problema, ma questa non ci sentiva, gli altri invece sentivano la squillante “voce” del pennuto.

E’ risaputo, nell’immaginario collettivo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello  “Sportello dei Diritti”, che il canto del gallo simboleggia il sorgere del Sole, invece non sarebbe così: il canto dei galli all’alba, infatti, non dipende dalla percezione di stimoli ambientali quali l’aumentare della luce, ma dall’orologio circadiano di questi pennuti. A stabilirlo è stato uno studio condotto da due biologi della Nagoya University, Tsuyoshi Shimmura e Takashi Yoshimura, che ne riferiscono sulla rivista “Current Biology”.

Varie sentenze in Europa, come anche in Italia della Corte d’appello di Trento, ha stabilito che il canto all’alba del gallo non costituisce disturbo della quiete pubblica, ma quello della Rochefort la cui proprietaria è finita in tribunale sembra cantasse addirittura di notte. In poche parole, i vicini di casa, quando hanno visito che non risolvevano il problema hanno sporto denuncia.