Il numero di decessi per coronavirus nel mondo è salito a 719, dopo che la provincia cinese di Hubei, epicentro dell’epidemia virale letale, ha riportato circa 2.841 casi aggiuntivi di malattia e 81 nuovi decessi nelle ultime 24 ore.

Pertanto, il numero totale di morti e infetti dal virus in Hubei è rispettivamente di 699 e 24.953, secondo la National Health Commission della provincia. Nel frattempo, nel mondo sono stati segnalati oltre 34.390 casi di infezione.

La quarantena stabilita dalle autorità cinesi per cercare di combattere la diffusione della malattia trasformò diverse città in siti fantasma, con strade e negozi vuoti, fabbriche e uffici chiusi.

La società cinese Tencent avrebbe trapelato accidentalmente le cifre reali sugli incidenti mortali e quelli infetti dal coronavirus 2019-nCoV.

Secondo Taiwan News esistono due schermate del “Tracker della situazione epidemica” della tecnologia che mostra quattro colonne – casi nazionali confermati, situazioni sospette, guarite e morte – con le presunte cifre aggiornate dell’impatto di quell’epidemia.

Il quotidiano cinese osserva che i numeri dell’ultimo febbraio erano “astronomicamente più alti” rispetto alle statistiche ufficiali: 154.023 infetti (circa 10 volte più alti), 24.589 morti (80 volte di più) e 79.808 casi sospetti (quattro volte), mentre i 269 guariti erano un numero leggermente inferiore. Il giorno successivo, Tencent ha aggiornato quella tabella con dati ufficiali. Nella seconda schermata, scattata alle 16:03 del 2 febbraio, sono stati visti 14.446 infetti, 19.544 casi sospetti, 351 guariti e 304 morti.