I HAVE A DREAM, MARTIN LUTHER KING – Oltre 35 mila persone hanno chiesto che il discorso “I have a dream” pronunciato da Martin Luther King nel 1963, deve essere di pubblico dominio, in quanto Sony ed EMI gesticono attualmente i diritti d’autore della registrazione.

Yasmin Gabriel, l’attivista per i diritti civili afro-americano, ideatore di questa iniziativa, sostiene che “l’uso commerciale di questo discorso simbolico contraddice l’effettivo contenuto del discorso di Martin Luther King“.

La gestione privata dei diritti della parola di Luther King sui gradini dell’Abramo Lincoln Memorial a Washington DC, ha provocato in alcuni casi la rimozione del video su canali come YouTube.

Secondo Yasmin Gabriel, che attraverso il portale Change.org ha raccolto oltre 35 mila adesioni, occorre evitare che “le parole che simboleggiano la lotta a livello mondiale per la liberta’ e l’uguaglianza siano limitate dal profitto e che invece devono essere ascoltate o utilizzate liberamente per scopi didattici o educativi“.