PAPA FRANCESCO – La parola “Bergoglio” ha smesso di essere tradotta con “Mondo Migliore” dall’italiano nelle altre lingue del mondo, sul servizio di traduzione online gratuito di Google. Anche se Google Translate accetta i suggerimenti degli utenti e qualche Fedele ammiratore del Pontefice aveva approfittato di questa funzione per diffondere l’idea che in molti hanno di Jorge Mario Bergoglio, l’efficenza dello strumento di traduzione, almeno in questo caso, ha avuto il sopravvento.

Papa Francesco, 266° papa della Chiesa cattolica, in latino Franciscus PP, in spagnolo Francisco, resta comunque per molti la speranza in un “Mondo Migliore”. La metafora è sempre valida, anche se ora, digitando la parola “Bergoglio”, che ovviamente è un cognome e non un termine di senso compiuto in qualche lingua del mondo, la traduzione sarà Bergoglio!

In alcune lingue con alfabeto diverso da quello latino, sarà possibile leggere la traduzione fonetica o la semplice traslitterazione, o nelle lingue arabe lo spostamento della parola alla destra del riquadro in cui compare la

traduzione.

Curiosità nella curiosità: “Bergoglio”, tradotto in Tamil, ancora oggi 15 gennaio 2014 dà questo risultato “இறை இரக்கத்தால்”, La Grazia di Dio. Mentre se si tenta di tradurre la frase “The Pope is Bergoglio” (in inglese: il papa è Bergoglio), dal Basco alle altre lingue del mondo, il risultato sarà il papa è l’Anticristo.

Se ne conclude che papa Francesco, o meglio l’immagine che di lui ha il mondo e il suo indiscutibile carisma, siano riusciti a mettere in discussione il funzionamento del traduttore Google (e la funzione di accettazione di suggerimenti da parte degli utenti, già sfruttata in altre occasioni con meno risalto mediatico per motivi futili). Resta da vedere come Google farà fronte a questo problema.