Google pubblicità, annunci ingannevoli o pericolosi: record nel 2018.

Il gigante tecnologico Google ha reso noto in un post sul suo blog che, nel corso del 2018, ha eliminato oltre 2,3 miliardi di annunci pubblicitari ingannevoli o pericolosi, che violavano cioè le sue politiche. Questa cifra presuppone che l’azienda abbia eliminato più di sei milioni ogni giorno.

Il motore di ricerca ha riferito che “nel 2018 ci troviamo di fronte a nuove sfide in aree in cui la pubblicità online potrebbe essere utilizzata per ingannare o frodare gli utenti offline”. Per combattere questi annunci, Google ha creato una nuova norma che vieta gli annunci da parte delle società di prestito e limita quelli che offrono servizi di riabilitazione solo alle entità certificate.

Inoltre, le nuove linee guida introdotte nel 2018 dal motore di ricerca hanno affrontato gli abusi “che includono il supporto tecnico di terze parti, rivenditori di biglietti, criptovalute e servizi locali come riparatori di porte di garage, cauzioni e servizi di riabilitazione”. Google ha eliminato oltre 200 mila annunci da rivenditori di biglietti, oltre 530 mila prestiti obbligazionari e oltre 58 milioni di phishing.

Google ha anche voluto ricordare che non solo hanno stabilito nuove regole per rimuovere gli annunci, ma hanno anche implementato nuove misure per aiutare gli inserzionisti a conformarsi alle loro politiche. Oltre al Centro norme Adsense, Google pubblicherà il prossimo mese un nuovo responsabile delle norme in Google Ads per offrire consigli su “frequenti errori che violano le nostre norme, aiutando i buoni inserzionisti a creare e pubblicare gli annunci che soddisfano i

requisiti”.

Contro cattive pubblicità e cattivi inserzionisti

Gli sforzi della società hanno riguardato anche il perseguimento di inserzionisti che non rispettano le regole con gli standard, eliminando quasi “un milione di conti che hanno promosso questo tipo di pubblicità, quasi il doppio di quelli eliminati nel 2017”. Questa azione è stata effettuata grazie al “330 classificatori di rilevamento che ci hanno aiutato ad identificare meglio livello di siti web di abusi, vale a dire quasi tre volte il numero di classificatori lanciati nel 2017”.

Le sfide della pubblicità digitale

Il responsabile di Google Scott Spencer, autore dell’articolo, ha indicato che l’azienda ha rimosso annunci segnalati da chi denunciava Fake News, acquisto di pubblicità politica, operazioni massibe di frode pubblicitaria”.

Per quanto riguarda la pubblicità politica, ha sottolineato che l’anno scorso ha lanciato una nuova linea guida di pubblicità elettorali e, nel 2019, hanno lanciato strumenti simili prima delle elezioni nella UE e in India.

Per quanto riguarda la disinformazione e le “notizie false”, Google ha eliminato nel 2018 annunci per oltre un milione di siti Web e applicazioni “per violazioni di politiche relative a contenuti travisati, che promuovono l’odio o sono di scarsa qualità”.