Francia si rifiuta di scusarsi per le radiazioni dei test nucleari del Pacifico

Il governo francese ha negato qualsiasi insabbiamento sui livelli di radiazioni nella Polinesia francese a seguito dei test nucleari effettuati nella regione tra il 1966 e il 1996. Questo venerdì si è conclusa a Parigi una tavola rotonda convocata dal presidente Emmanuel Macron, in cui si è discusso delle accuse secondo cui il Paese francese aveva nascosto il vero impatto che questi test avevano sull’ambiente e sulla salute della popolazione degli atolli di Moruroa e Fangataufa, nell’Oceano Pacifico.

“Non c’è stato alcun insabbiamento statale”, ha detto il vice ministro addetto al ministero delle forze armate francesi, Geneviève Darrieusseq, respingendo ogni scusa ufficiale da Parigi.

Finora, solo 63 civili polinesiani hanno ricevuto un risarcimento per l’esposizione alle radiazioni da quei test nucleari. Gli atolli di Moruroa e Fangataufa hanno assistito a 193 test nucleari in tre decenni, fino a quando quel programma non è stato terminato negli anni ’90 a causa della pressione internazionale.

Nel 2016, l’allora presidente francese François Hollande ha riconosciuto che questi esperimenti hanno avuto “un impatto” sulla salute e sull’ambiente e ha promesso di rinnovare il programma di risarcimento per le persone colpite. Inoltre, ha osservato che senza questi test “la Francia non avrebbe armi nucleari e quindi non avrebbe un deterrente nucleare”.