FOTO DELLA SCHEDA SU FACEBOOK – Elezioni Politiche 2013. Attenzione, è violazione del segreto elettorale pubblicare o anche postare sui social network la foto del voto con il proprio nome e cognome in evidenza. Roberto Buri e Amedeo Sollazzo, ecco i nomi dei due attivisti che hanno scattato nella cabina elettorale le foto del loro voto con il cellulare, per poi postarle su Facebook, pagina “Movimento nazionale a Cinque Stelle di Beppe Grillo“.

Ignoravano la legge, i due grillini? Le indicazioni su “come si vota” e cosa è permesso e non è permesso fare all’interno della cabina elettorale sono facilmente reperibili, ma potrebbe essersi trattato di un errore dettato dall’entusiasmo.

In questi casi però si può supporre che si dichiari il proprio voto in quanto “voto di scambio”.

La foto è stata comunque immediatamente rimossa, dopo le proteste sollevatesi in Rete. Sulla pagina del Movimento è anche apparso l’avviso che recita: “IMPORTANTE: è vietato fare foto nella cabina elettorale, chi le ha fatte se le tenga per se e NON METTETE NIENTE ON-LINE”.

Lo screenshot della pagina, cioè l’immagine della pagina Facebook ricavata dallo schermo del PC quando ancora le foto c’erano, è stata riprodotta sul web, ad esempio sulla pagina de La Repubblica online, ed è la prova che l’infrazione delle regole elettorali è avvenuta. Il gesto potrebbe avere un seguito.