Keanu Reeves, le qualità della sua Filosofia di Vita.

L’attore libanese canadese Keanu Reeves ha costruito una solida reputazione non solo per le sue apparizioni in film come Speed, The Matrix e John Wick, ma anche per alcune qualità umane che lo distinguono chiaramente dal prototipo dell’eroe d’azione di Hollywood.

Il giornalista Tim Denning stava conducendo un’indagine sull’umiltà quando si rese conto che Keanu Reeves rappresentava esattamente l’incarnazione dell’umiltà. Ed è che in numerose interviste e apparizioni pubbliche nel corso degli anni, Reeves sembra semplicemente incapace di accettare un complimento. L’umiltà non è l’unica qualità che la rende così ammirevole, ma la prima di altre. Vediamole insieme:

Pratica l’umiltà attiva.

Quando qualcuno cerca di adulare Keanu, pratica una specie di aikido di umiltà: usa la forza dell’adulazione e la reindirizza verso gli altri.

Ci sono numerose storie (e alcuni momenti catturati in video) al riguardo, come quando una guardia di sicurezza non lo lasciava entrare nella sua propria festa e si è fatto la fila invece di comportarsi come una superstar di Hollywood. Oppure come quando presentava un videogioco all’E3 2019: dicendo che Cyberpunk 2077 era “fantastico”. Qualcuno tra il pubblico risponde “Sei fantastico!”, a cui Keanu risponde di nuovo: “Tu sei fantastico, tutti voi siete impressionanti!”, invece di gongolare nel riconoscimento pubblico:

Cerca momenti di solitudine per riflettere e meditare.

Keanu è il figlio di una sarta che ha realizzato abiti per il cinema e il teatro, quindi i riflettori non lo abbagliano facilmente. Forse perché ha iniziato a recitare in spot pubblicitari e piccoli ruoli in giovane età, lo stile di vita dei ricchi e famosi semplicemente non lo attrae.

Ci sono molte fotografie di Keanu scattate da paparazzi e fan in cui viene visto bere caffè o mangiare un muffin da solo, senza guardie per la sicurezza.

Le tragedie sono opportunità per ottenere una nuova prospettiva.

La vita di Keanu Reeves non è stata facile, poiché ha dovuto affrontare la morte del suo migliore amico River Phoenix, anche lui attore, dell’allora sua compagna, Jennifer Syme, e di una figlia prematura di 8 mesi. Come se ciò non bastasse, suo padre se ne andò quando aveva tre anni, e sua sorella Kim soffriva di leucemia (fortunatamente era lì per accompagnarla e alla fine si riprese).

In tale posizione, sarebbe facile incolpare il destino e l’amara esistenza. Ma sebbene Keanu non parli molto della sua vita privata, le battaglie affrontate nella sua vita non gli hanno impedito di continuare a lavorare, aiutare gli altri e persino formare nuove relazioni. Oggi si sa che è fa coppia con la rinomata artista e filantropa Alexandra Grant, con la quale ha infatti collaborato a due libri.

Aiuta gli altri a uscire dalle telecamere.

Esistono numerose celebrità che danno il nome a fondazioni di beneficenza, guidano cause umanitarie per raccogliere milioni di donazioni dopo essere state coinvolte in uno scandalo. Sebbene Keanu abbia investito il 70% dei suoi guadagni da The Matrix in una fondazione che supporta le persone con leucemia, la sua vocazione ad aiutare è un modo di vivere.

Dal cedere il posto ad una passeggera della metropolitana di New York, all’organizzazione dei passeggeri bloccati in un aeroporto, sembra che la vocazione di Keanu sia quella di migliorare la vita di coloro che lo circondano (anche se non ci sono telecamere nelle vicinanze).

Carisma da anti-stella.

Secondo Denning, ci sono due tipi di carisma: quello delle persone sicure e presunte, e quello delle persone che sono buone con gli altri. Da una certa prospettiva, una stella troppo luminosa opaca per tutte le altre, un anti-stella, d’altra parte, cerca che tutti brillino all’unisono.

Un anti-star come Keanu “non cerca attenzione, non vuole essere riconosciuto, non ha aspettative per gli altri e usa la sua fama per portare gli altri con sé, in modo che tutti possano ottenerne un pezzo”.

Rinasce tutte le volte che serve.

A volte raccontiamo le nostre vite come se fossero film o storie. Quando la realtà non si attacca al personaggio che ci siamo assegnati, ci sentiamo frustrati o delusi. Ma al di là delle credenze religiose, non è necessario morire per rinascere in questa vita.

La carriera e la biografia di Keanu Reeves possono essere lette come le molteplici reincarnazioni e reinvestimenti di una persona che ha affrontato molteplici sfide, emergendo da esse rafforzate e di buon umore. I suoi primi lavori negli anni ’90 furono comici, sebbene abbia avuto alcune incursioni in temi shakespeariani. Si è poi reinventato come eroe d’azione, come rubacuori sensibile e infine come miscela di entrambi, nel franchise di successo di John Wick.