Caos alle Hawaii per falso allarme missile

La famosa “stanza dei bottoni” è sempre stato il cruccio delle preoccupazioni a livello mondiale, fin dalla guerra fredda tra Usa e Russia. Quante volte ci siamo chiesti, noi comuni mortali ma anche le produzioni cinematografiche di Hollywood, cosa succederebbe se venisse premuto il pulsante sbagliato o persino per errore? Ed ecco che l’errore è arrivato: un falso attacco missilistico.

E’ successo alle Hawaii, dove un messaggio allarme sarebbe stato inviato per errore ad alcuni cellulari dell’arcipelago vulcanico isolato nel Pacifico centrale, dove si trova il comando delle forze armate Usa del Pacifico. Era stato lanciato per avvertire dell’imminente arrivo di missili.

Nel messaggio veniva chiesto agli abitanti di mettersi al riparo. Immaginatevi cosa avranno provato i cittadini nel ricevere l’allerta mentre nel mondo si vive ancora la forte tensione e preoccupazione causata della continua minaccia nordcoreana.

E sapete cosa è successo in realtà? Un impiegato ha “premuto il bottone sbagliato“. Sono le parole del governatore dello Stato, il democratico Ige. Secondo la spiegazione ufficiale, il fatidico bottone è stato premuto “durante un cambio di turno nel personale della Hawaii’s Emergency Management Agency. Scusandosi con tutta la popolazione per il falso allarme, Davide Ige ha assicurato che adesso si sta “indagando la sequenza dei fatti accaduti”.