La Falsa Invasione Aliena del Progetto Blue Beam.

Immagini religiose nel cielo, voci strani sentite all’interno delle nostre menti, e altre persone che vedono e sperimentano le stesse cose. Il fenomeno potrebbe essere rinviato di mesi e, infine, questo “contatto divino” suggerisce che un messia è vicino e che ha bisogno della tua “fede” per “materializzarsi” e stabilire i suoi piani… Cosa faresti in questo caso? Metteresti in dubbio la tua esperienza oltre la straordinaria connotazione o accetteresti di cedere la tua volontà senza ulteriori esitazioni?

Sembrerebbe la trama di un film di fantascienza, se non fosse per il fatto che ci sono scienziati che hanno già denunciato che oggi esiste abbastanza tecnologia per far accadere un fenomeno simile su larga scala. Stiamo parlando del progetto Blue Beam.

Il progetto Blue Beam non sarebbe altro che proiettare immagini olografiche ad alta risoluzione (con uno schermo creato dalle emissioni chimiche dalle scie chimiche) generate dai satelliti (così come dai sistemi HAARP) nel cielo. Questo per far credere all’umanità che “Dio” ci sta parlando per avvisarci di una prossima invasione aliena. Il piano sarebbe di fare un “appello” a tutti gli esseri umani affinché si “uniscano” per sostenere un leader “messia”, cioè un grande salvatore.

Esistono “armi psicotroniche” in grado di interferire con il nostro cervello e renderci ricevitori di messaggi udibili. Se succede qualcosa del genere, l’umanità potrebbe non essere preparata ad affrontare un simile inganno. Inoltre, in un momento come questo di enorme crisi, quando tutti cerchiamo di uscire dalla pandemia coronavirus, desiderando ardentemente la speranza e vedere una luce alla fine del tunnel nero in cui siamo immersi.

Per alcuni teorici della cospirazione, questo è in definitiva l’asso nella manica che l’élite mantiene per il suo piano di dominio del mondo.

Famoso progetto Blue Beam, teoria della cospirazione, indagata dal canadese Serge Monast.

Le premesse su cui si baserebbe il famoso progetto Blue Beam

  • Primo stadio: la distruzione di tutte le conoscenze archeologiche

Secondo la teoria, si tratterebbe di orchestrare i terremoti e altri disastri naturali in modo artificiale (con l’aiuto di dispositivi, come il mitico HAARP), in determinate posizioni precise intorno al pianeta, dove presunte nuove scoperte spiegherebbero finalmente le dottrine tradizionali delle diverse credenze del mondo, rendendole erronee. I presupposti sulla fantastica applicazione della tecnologia Tesla sarebbero un fattore importante, poiché, secondo i credenti, ha molti usi, incluso il teletrasporto e le cosiddette “trombe dell’apocalisse“.

Questa falsificazione verrebbe usata per far credere alla popolazione che tutta la dottrina religiosa è stata fraintesa e mal interpretata. Secondo la teoria citata, il periodo di confusione sarebbe iniziato nei film americani, che hanno in comune il fatto di trattare argomenti come invasioni extraterrestri, completo annientamento di popoli, culture aliene e le loro credenze annesse e contatti pacifici con esseri di altri mondi. .

  • Seconda fase: Space Show – Spettacolo Spaziale

Secondo la teoria, gli ologrammi tridimensionali sarebbero parte di questo stadio usando proiezioni laser in diverse parti del mondo con un’immagine diversa, secondo la fede di ciascun gruppo etnico. Questa nuova “immagine di Dio” parlerebbe in tutte le lingue e si proclamerebbe anche alle nazioni che impongono una singola religione, un singolo tipo di valuta, una singola ideologia, creando così quello che sarebbe chiamato il Nuovo Ordine Mondiale.

  • Terzo stadio: comunicazione telepatica elettronica bidirezionale

Secondo la teoria, le onde a frequenza estremamente bassa, VLF (frequenza molto bassa) e LF (bassa frequenza) localizzerebbero gli

esseri umani attraverso il cervello, facendo credere a ciascuno che il proprio Dio avrebbe parlato con loro dall’interno. Sostiene che tali onde, prodotte dai satelliti, sarebbero alimentate da computer che immagazzinerebbero banche dati di dimensioni considerevoli con informazioni sull’essere umano riguardanti le loro culture, ideologie, politiche, costumi, lingue, ecc. Queste onde si intrecciano con i processi naturali del pensiero per formare ciò che i teorici della cospirazione chiamano “chiacchiere artificiali”.

  • Quarto stadio: manifestazioni soprannaturali universali usando mezzi elettronici

Quest’ultima fase prevede diversi passaggi, il primo è una presunta invasione aliena che farà arrivare i governi alle loro armi nucleari. Quindi cercheranno di convincere i cristiani che ci sarà un grande rapimento che verrà per salvare le brave persone dal caos che deve ancora venire, quando in realtà cercano di eliminare potenziali persone che si oppongono al nuovo ordine mondiale.

Infine, verranno utilizzate forze elettroniche e soprannaturali, le onde o le frequenze saranno utilizzate per consentire alle forze soprannaturali di viaggiare attraverso cavi a fibre ottiche, cavi coassiali, linee elettriche e telefoniche in modo che possano entrare in tutte le apparecchiature e dispositivi elettronici che, per quindi avranno installato un microchip speciale.

Con ciò vogliono che i fantasmi, gli spettri, i poltergeist e altre entità maligne si materializzino fisicamente in modo che le persone inizino a suicidarsi, si uccidano e ci sia un disturbo psicologico permanente. Dopo questa fase, le persone saranno pronte a ricevere un nuovo ordine mondiale.

Che cos’è il Blue Beam Project

Il progetto Blue Beam – o progetto di illuminazione divina (Progetto Raggio Azurro) – è una teoria della cospirazione, indagata dal canadese Serge Monast, secondo la quale sarebbero coinvolti il governo degli Stati Uniti, il gruppo Bilderberg e la NASA, tra gli altri, per produrre apparenze artificiali extraterrestri e divine, con la presunta intenzione di spezzare la coscienza umana e facilitare il cammino verso un tirannico Nuovo Ordine Mondiale.

Cosa ti sembra? Non ti sembra la teoria del complotto più assurda che ci sia in circolazione? Vieni a commentare l’articlo nel nostro Spazio UFO su Facebook: questo il link.


Fonte: Educate-Yourself | The Freedom of Knowledge, The Power of Thought [link] di Serge Monast, pubblicazione originale del 1994