Elon Musk potrebbe attirare gli Alieni sulla Terra

Il gran numero di satelliti Starlink lanciati in orbita dalla compagnia di Elon Musk rappresenta una grande “firma tecnologica” che potrebbe fungere da faro per attirare civiltà aliene dal cosmo. Immagina di essere un membro di una specie intelligente su un pianeta in orbita attorno a una stella vicina a quella con quelli che sembrano essere otto o nove esopianeti che ruotano attorno ad essa, tra cui uno ad anello e uno molto blu. Immagina anche di guardare il “pallido punto blu” usando uno dei tuoi telescopi più potenti e di vedere qualcosa, forse una struttura, che sembra essere stata fatta da esseri intelligenti. Chiedi a un amico di guardarlo e di dirti cosa pensa che sia. Lui guarda, poi ti guarda e dice parafrasando: “Non sto dicendo che è Elon Musk … ma è Elon Musk”,

Questo è il succo di un nuovo documento accettato per la pubblicazione nel Journal of the British Interplanetary Society che propone che la rete satellitare Starlink, lanciata dalla società spaziale privata SpaceX di Elon Musk, sta costruendo una “firma tecnologica” che può essere vista dagli alieni, e potrebbe attirarli qui.

Dall’inizio del 2019 e fino al 24 marzo, la compagnia di Musk in totale ha già lanciato 1300 satelliti e il suo obiettivo di 1440 si avvicina. Questa enorme costellazione di satelliti orbitanti, distribuiti su quasi tutta la superficie della Terra, potrebbe essere considerata il primo prototipo di una possibile megastruttura attorno al pianeta.

E in linea di principio potrebbe essere visibile da altri punti della galassia, quasi come sarebbe un’ipotetica sfera di Dyson. Incuriosito da questa possibilità, Zaza Osmanov, professore di astrofisica presso la Libera Università di Tbilisi, in Georgia, ha stimato che ci vorrebbero circa 800 anni prima che la costellazione Starlink di SpaceX appaia in qualsiasi ricerca di intelligenza extraterrestre condotta da un’altra civiltà.

Nel suo articolo, inoltre, lo scienziato afferma che il Very Large Telescope (VLT) in Cile e il radiotelescopio FAST in Cina, se fossero nello spazio profondo, potrebbero eventualmente trovare Starlink. “Uno dei fattori principali è il tempo di osservazione di un telescopio”, ha detto Osmanov, che ha effettuato i suoi calcoli sulla base della luminosità dei satelliti e un tempo di osservazione di un’ora.

“Sebbene dipenda anche dalla geometria, per lo stesso valore si può stimare approssimativamente che il numero di satelliti per rendere visibile la costruzione da 100 anni luce dovrebbe essere dell’ordine di 30 miliardi”, ha aggiunto. Ciò richiederebbe sicuramente molti lanci di razzi Falcon 9. Tuttavia, suggerisce anche che poiché i satelliti di Elon Musk trasmettono segnali radio, il telescopio FAST potrebbe rilevarli fino a 520 anni luce di distanza.

Costruire una “megastruttura” attorno alla Terra, un concetto che ricorda le sfere di Dyson o le strutture a forma di anello, ci renderebbe una civiltà di “Tipo 1” sulla scala Kardashev, qualcosa che non abbiamo ancora raggiunto. Le strutture massicce necessarie per le civiltà “stellari” e “galattiche” potrebbero essere più facili da rilevare, ovviamente, perché emetterebbero un’intensa radiazione visibile nell’infrarosso.

Ciò che l’articolo di Osmanov riflette è se qualcosa che noi – un’aspirante civiltà “planetaria” – potremmo ora costruire (in particolare Starlink) potrebbe essere visibile da “là fuori”. Quindi, con Starlink, forse SpaceX sta costruendo le prime megastrutture planetarie della Terra, ma ci vorrà molto tempo prima che gli esseri umani si avvicinino ad avere la nostra “firma tecnologica“.