NUTRIRSI DI LUCE – Una donna di Seattle, di nome Shine, sta cercando di vivere senza cibo per sei mesi, mantenendosi in vita solo con acqua e luce del sole. L’esperimento, dal nome “Nutrirsi di Luce“, dovrebbe dimostrare che gli esseri umani non hanno bisogno di ingerire alcun tipo di alimento per vivere e stare bene.

Shine è una breatharian, in italiano brethariana, bretariana o respiriana, che ha deciso di seguire un gruppo di yogi chiamato The Breatharians, i quali affermano di avere la capacità di nutrirsi di sola luce, talvolta di non aver bisogno nemmeno di acqua.

Il presupposto di questa corrente correlata all’ascetismo orientale è che abbiamo una fonte nutrizionale già incorporata all’interno del nostro corpo, in armonia con la mente e lo spirito, che ci fornisce quello di cui abbiamo bisogno per essere sani e sentirci bene.

Shine, non sapendo come definire esattamente questa fonte di sostentamento trascendentale insita negli esseri umani, ha deciso di chiamarla “Luce“.

8 giugno 2013, sono già 35 giorni che Shine sopravvive senza cibo e afferma di stare bene, anche se ha perso più di 20 chili.

Esistono già altri casi, non dimostrati o dimostrabili, di sopravvivenza secondo i dettami ascetici del breatharian, sull’argomernto sono stati scritti anche libri da sedicenti breathariani che non fanno che alimentare lo scetticismo dei medici e della scienza. Shine fa un passo oltre: oltre che aggiornare i suoi estimatori e gli scettici attraverso la sua pagina Facebook, ha posizionato telecamere nella sua casa per dimostrare che sta tenendo fede a questa “dieta” estrema di tipo spirituale. Si augura inoltre di poter avviare il live streaming della sua esperienza nelle prossime settimane.

Gli aggiornamenti sull’esperienza della breathariana Shine e l’esperimento “Nutrirsi di Luce”, su Facebook, sui media internazionali e ovviamente, sulle nostre pagine online.