Disinstallare WhatsApp da qualsiasi dispositivo (cit. fondatore di Telegram).

L’imprenditore russo fondatore di Telegram, ritiene che WhatsApp, famoso servizio di messaggistica di proprietà di Facebook, metta a rischio le informazioni dei dispositivi su cui è installato.

Il fondatore e direttore esecutivo di Telegram, Pável Dúrov, afferma che le persone “devono disinstallare WhatsApp” da qualsiasi dispositivo. Perchè? La causa è da individuare sulle continue vulnerabilità della sicurezza che affliggono tale applicazione di messaggistica.

Dopo aver sottolineato che questa settimana si è verificato un nuovo errore in WhatsApp, Dúrov ha ricordato nel suo blog che a maggio aveva già “previsto” che in quella società di proprietà di Facebook i problemi di sicurezza sarebbero apparsi “uno dopo l’altro”.

Dúrov ha sottolineato che WhatsApp rappresenta un potenziale pericolo non solo mettendo a rischio le informazioni condivise, ma anche altri dati dei dispositivi su cui è installato, poiché molti criminali informatici “utilizzano costantemente” questo servizio come una sorta di “cavallo di Troia” per ottenere tali informazioni.

Ritiene inoltre “estremamente improbabile” che qualcuno all’interno di quell’azienda possa commettere “errori gravi” in modo “casuale e regolare”, che sia “così conveniente” per l’uso dei programmi di sorveglianza e considera molto difficile cambiare le proprie politiche .

Vulnerabilità di massa

WhatsApp ha citato in giudizio la società israeliana di sorveglianza informatica NSO Group alla fine di ottobre, per aver condotto una campagna di spionaggio in 20 paesi attraverso la sua piattaforma.

All’inizio di quel mese, uno specialista della sicurezza informatica ha scoperto un bug nel codice che avrebbe esposto i suoi utenti al furto di dati con l’aiuto di un file di immagine dannoso in formato GIF.

A settembre, Regno Unito e Stati Uniti Hanno firmato un trattato che costringerebbe quel servizio e altri social network con sede negli Stati Uniti a condividere messaggi crittografati da utenti sospettati di reati con la polizia britannica. Inoltre, “un attore cyber avanzato” ha infettato i telefoni di un numero sconosciuto di utenti WhatsApp con sofisticati spyware solo con una chiamata persa attraverso l’applicazione a metà maggio.