Cristiano Ronaldo non è più Ambasciatore di Save the Children UK

  • Uno dei più grandi enti di beneficenza per bambini del Regno Unito priva Cristiano Ronaldo del suo status di ambasciatore.

Uno dei più grandi enti di beneficenza per bambini del Regno Unito, Save the Children, ha preso le distanze dall’attaccante del Manchester United Cristiano Ronaldo in seguito all’incidente di sabato quando Ronaldo ha intenzionalmente bussato al telefono di un giovane tifoso dell’Everton.

“Cristiano Ronaldo ha sostenuto il lavoro di Save the Children per le famiglie povere di tutto il mondo”, ha detto l’organizzazione a The Sun, aggiungendo che il calciatore non lavora con loro da luglio 2018 e che “non è più” il suo ambasciatore.

Ronaldo, che è stato riconosciuto come uno degli atleti più caritatevoli del mondo, si è unito a Save the Children nel 2013 come Global Ambassador per “assicurare che ogni bambino abbia l’opportunità di raggiungere il proprio potenziale”.

L’ex giocatore della Juventus è anche ambasciatore dell’UNICEF Portogallo, sebbene questa organizzazione non abbia commentato l’incidente.

La vittima dell’attacco di Ronaldo è Jake Harding, un ragazzo di 14 anni affetto da autismo e disprassia (disturbo psicomotorio che colpisce il movimento e la coordinazione), che per la prima volta stava assistendo a una partita dell’Everton.