SCIMPANZÉ E ORANGHI, PRIMATI COME NOI – Anche loro vivrebbero la crisi di mezza età. Un nuovo studio pare dimostrarlo.

Cambiamenti radicali nel comportamento e nello stato d’animo, talvolta l’adozione di uno stile di vita sconsiderato, sono diventati i biglietti da visita della crisi di mezza età, ma gli esseri umani pare non siano gli unici primati a sperimentarlo.

La crisi di mezza età nelle scimmie sarebbe l’equivalente di quella degli uomini.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences e ha sollevato critiche nell’ambiente scientifico.

Secondo gli autori, i risultati suggeriscono che la crisi di mezza età può avere la sua spiegazione nella biologia, e accomunare noi esseri umani con i nostri parenti più prossimi nella scala dell’evoluzione.

C’è chi obietta che il concetto di “crisi di mezza età” è incerto anche per quanto riguarda la vita degli esseri umani. Ma Alex Weiss, psicologo presso l’Università di Edimburgo ed artefice dello studio, spiega che una comprensione più profonda della crisi emotiva che gli uomini sperimentano potrebbe derivare proprio dall’osservazione di cosa succede a scimpanzé e oranghi prima di passare nella più serena fase della “terza età”.