Creatore BitTorrent inventa nuova Criptovaluta "Verde", come funziona.

Bram Cohen, creatore del servizio di condivisione di file peer-to-peer BitTorrent, ha ideato un algoritmo per estrarre una nuova criptovaluta, chiamata Chia, basata sull’uso di unità di archiviazione. Come spiegato su Tech Radar, Chia, non ancora disponibile sul mercato, è pensata per essere una criptovaluta green, quindi invece di fare affidamento su unità di elaborazione grafica (GPU), che consumano molta energia, sfrutta la potenza delle unità a stato solido (SSD) o dischi rigidi, che utilizzano molte meno risorse.

Il processo di creazione della valuta sarà decentralizzato e dipenderà dalla quantità di spazio disponibile sul dispositivo di archiviazione. Inoltre, a differenza del crypto mining con unità GPU, una volta terminato il processo, l’utente può riutilizzare lo spazio per, ad esempio, archiviare materiali o dati personali.

Perché Chia potrebbe causare una carenza di SSD e dischi rigidi?

Durante l’estrazione della Chia, un file da 100 GB richiede 2 TB di capacità di lettura e scrittura, per la quale sono necessari un gran numero di unità SSD.

Sina Technology avverte che la sua affermazione come alternativa verde alle attuali criptovalute potrebbe causare un aumento della domanda di dispositivi di archiviazione e persino portare a una carenza degli stessi. Secondo il portale tecnologico HKEPC, Hong Kong sta attualmente sperimentando un “panico da acquisto” di dischi rigidi da 4 TB a 8 TB di capacità a causa delle previsioni che il loro prezzo potrebbe triplicare nel prossimo futuro.

A differenza del mining tramite GPU, la durata dei dischi rigidi sarebbe limitata a causa dell’elevato numero di operazioni necessarie per eseguire il processo di crypto mining. Questo potrebbe diventare un fattore in più per sostenere gli alti livelli di domanda di questi dispositivi.