Coronavirus COVID-19, prossimi al milione di contagi in tutto il mondo.

Con un numero che ormai si approssima al milione di contagi, il nuovo Coronavirus COVID-19 dilaga in tutto il mondo e nei prossimi giorni avrà provocato la morte di 50 mila persone.

Il numero totale di casi di infezione da coronavirus ha superato i 923 mila in tutto il mondo questo mercoledì, secondo le statistiche ufficiali raccolte dalla Johns Hopkins University. Inoltre, in tutto il mondo ci sono stati oltre 46 mila decessi, mentre oltre 193.000 persone si sono riprese dalla malattia.

Stati Uniti in cima alla lista dei paesi con il più alto numero di infezioni al mondo, con 209,015 casi confermati a partire da mercoledì 1° Aprile 2020. Nel paese, i decessi per covid-19 hanno superato i 4,657.

La nuova malattia ha già lasciato oltre 30.000 morti in Europa e 458,600 casi di contagio, essendo il continente più colpito. Italia e Spagna, con 13.155 e 9,131 morti, rispettivamente, accumulano più di tre quarti delle morti in Europa.

Nel frattempo, i paesi dell’America Latina stanno combattendo contro l’espansione del coronavirus.

Nella regione ci sono stati 16,251 casi e 419 morti a partire da questo martedì. Il Brasile continua ad essere quello con il maggior numero di casi confermati, registrando con 5,717, seguito da Cile (3,031) ed Ecuador (2,748).

I dati ufficiali della Cina indicano 3,312 morti e 81,554 infetti da covid-19 sono stati registrati nella terraferma del gigante asiatico, di cui 76,238 sono guariti. Nella provincia di Hubei, 67,802 persone sono risultate positive al coronavirus, 50,007 a Wuhan.

Dopo più di due mesi di confino, la città di Wuhan (Hubei, Cina), dove ha avuto origine la pandemia globale covida-19, ha iniziato a sollevare le restrizioni della quarantena dopo una settimana senza rilevare alcun nuovo contagio.

Riaffiora però la paura del contagio da coronavirus in Cina.

Un’area della provincia dello Henan, dove vivono circa 600 mila persone, è stata sottoposta a misure di isolamento per il timore di una seconda ondata di contagi. Lo Henan si trova immediatamente a nord della provincia da cui si è diffusa l’epidemia, lo Hubei. In base alle nuove normative i residenti devono avere permessi speciali per potere uscire e andare a lavorare, devono sottoporsi alla misurazione della febbre e indossare mascherine.