Gli scienziati hanno confermato l’esistenza di una nuova variante di COVID-19 che combina per la prima volta le mutazioni delle varianti omicron e delta e sono stati segnalati casi sia in Europa che negli Stati Uniti

La nuova variante ibrida, soprannominata ufficiosamente “deltacron“, è stata confermata attraverso il sequenziamento del genoma eseguito dagli scienziati dell’IHU Méditerranée Infection a Marsiglia, in Francia, ed è stata rilevata in diverse regioni della Francia, secondo un documento pubblicato martedì nel database di prestampa medRxiv (8 marzo).

Sono stati trovati casi anche in Danimarca e nei Paesi Bassi, secondo la banca dati internazionale GISAID. Separatamente, due casi sono stati identificati negli Stati Uniti dalla società di ricerca genetica Helix con sede in California, secondo Reuters. Inoltre, secondo The Guardian, nel Regno Unito sono stati identificati circa 30 casi.

La conferma dell’OMS: esiste la variante “deltacron” del COVID

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato l’esistenza della variante “deltacron” del COVID, quando il mondo sta appena vedendo “la luce alla fine del tunnel” di una pandemia che ha lasciato, finora, 6 milioni e 4mila morti , secondo i dati dell’ONU.

Quanto è rischiosa questa nuova variante?

La presenza di deltacron, così chiamato perché è una combinazione di Delta AY.4 e Ómicron BA.1, non ha prodotto “alcun cambiamento nell’epidemiologia o nella gravità”, ha confermato Maria Van Kerkhove, principale epidemiologa dell’OMS.

“Vedremo in futuro se questa variante sarà più patologica o contagiosa, o se prevarrà”, ha affermato a Europa Press il professore di Biologia all’Università di Cipro e direttore del Laboratorio di biotecnologie e virologia molecolare, Leondios Kostrikis.

In quali paesi è stato rilevato?

Secondo l’OMS, finora c’è solo un record di “deltacron” in Francia, Paesi Bassi e Danimarca, “ma a livelli molto bassi”. Nel frattempo, il ricercatore Kostrikis e il suo team hanno identificato 25 casi della variante. Questi sono stati rilevati principalmente in pazienti ricoverati in ospedale per COVID-19.

Come è stata rilevata questa variante?

Nel dicembre 2021, sequenze “deltacron” sono state generate da campioni di virus ottenuti da Kostrikis e dal suo team, nell’ambito di uno sforzo per monitorare la diffusione delle varianti SARS-CoV-2 a Cipro. “Durante l’esame di alcune delle sue sequenze, i ricercatori hanno notato una firma genetica simile a un omicron nel gene per la proteina spike, che aiuta il virus a entrare nelle cellule”, spiega Nature in un articolo.

Kostrikis ha chiarito che, nonostante alcuni media abbiano interpretato che queste sequenze sono il risultato di un virus ricombinante tra delta e omicron, non ha mai detto che rappresentassero un ibrido dei due.