Variante Omicron Covid più trasmissibile della Delta tra le persone vaccinate

La variante omicron del coronavirus è più trasmissibile del ceppo delta tra le persone vaccinate, secondo uno studio pubblicato la scorsa settimana sul portale di preprint medRxiv.

Dopo aver esaminato quasi 12 mila famiglie danesi a metà dicembre, il gruppo scientifico responsabile dello studio ha concluso che l’omicron è tra 2,7 e 3,7 volte più infettivo della variante delta tra gli individui vaccinati, mentre per le persone non inoculate non vi è alcuna differenza significativa nella trasmissibilità delle due varianti.

Hanno anche scoperto che le persone che hanno ricevuto il vaccino di richiamo hanno generalmente una trasmissibilità ridotta, mentre gli individui non vaccinati hanno una trasmissibilità maggiore rispetto agli individui vaccinati con il programma completo.

“I nostri risultati confermano che la rapida diffusione della variante dell’omicron può essere attribuita principalmente alla capacità di elusione immunitaria piuttosto che a un aumento intrinseco della trasmissibilità di base”, osserva lo

studio.

Tyra Grove Krause, capo epidemiologo presso il Danish State Serum Institute, ha dichiarato ai media locali che, nonostante sia più trasmissibile, la variante dell’omicron sembra indurre una malattia meno grave. “Anche se l’omicron continuerà a esercitare pressioni sul nostro sistema sanitario, tutto indica che è più mite rispetto alla variante delta”, ha detto l’esperto, aggiungendo che tra due mesi “i contagi inizieranno a diminuire”, il che ci permetterà di recuperare la normalità.

La variante omicron (B.1.1.529), rilevata per la prima volta nel continente africano nel novembre 2021, è caratterizzata da un elevato numero di mutazioni e dalla sua maggiore capacità di eludere la protezione dei vaccini esistenti. Tuttavia, i primi dati suggeriscono una minore gravità della malattia nei pazienti infettati dal ceppo omicron.