COVID-19, apocalisse a New York per il coronavirus.

Andrew Cuomo, governatore dello stato di New York (USA), ha avvertito questo venerdì che i pazienti con coronavirus “moriranno a breve termine a causa della mancanza di letti e di respiratori artificiali”.

Le persone moriranno a breve termine perché sono entrate in un ospedale e non c’è letto con un respiratore, perché non c’è letto, né personale, né dispositivi di protezione individuale, né ventilatore. Questo è ciò che accadrà”, ha detto Cuomo in una conferenza stampa.

New York è in crisi, aiuta New York“, ha proclamato Cuomo, che ha chiesto al governo federale di distribuire risorse da altri luoghi per aiutare lo stato più colpito dal coronavirus. Il governatore ha scoperto che “gli ospedali sono diventati di fatto ospedali in terapia intensiva per pazienti con covid-19”.

Cuomo ha anche annunciato che firmerà un ordine esecutivo per ottenere respiratori e dispositivi di protezione individuale da quelle strutture nello stato che li hanno e che non ne hanno bisogno per affrontare il virus. “Se vogliono farmi causa per aver preso in prestito i loro strumenti in surplus per salvare vite umane, allora che mi facciano causa”, ha detto Cuomo, rispondendo a una domanda sul fatto che l’ordine potesse essere contestato legalmente. “Non lascerò morire le persone“, ha sottolineato.

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 562 decessi in tutto lo stato – il più alto aumento in un giorno – e 10,482 nuovi infetti. Secondo l’ultimo bilancio, il numero totale di decessi ammonta a 2,935 e quello di 102,863 infetti.


Stati Uniti è diventato il primo paese al mondo a registrare più di mille morti in un solo giorno, con 1.169 vittime registrate in 24 ore.

A livello nazionale, sono stati confermati 259,750 casi di nuova infezione da coronavirus, inclusi almeno 6,603 decessi, secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University.

Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti aumenta al 4,4%

La perdita di 701.000 posti di lavoro a marzo si è riflessa in un aumento del tasso di disoccupazione del 4,4%, ha riferito il governo in un rapporto di venerdì, che non riflette ancora il pieno impatto della pandemia di coronavirus nel paese nordamericano.

Il rapporto presentato dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti raccoglie solo i dati del mercato del lavoro fino a metà marzo, quindi non riflette l’impatto dell’epidemia sui 10 milioni di persone che hanno dovuto chiedere sussidi di disoccupazione nelle ultime due settimane a causa delle misure di contenimento imposte nel paese per prevenire la diffusione di covid-19.

Il tasso è aumentato dello 0,9% da agosto 2017, avvicinandosi al picco raggiunto nella crisi finanziaria nel maggio 2009, quando è stata registrata la perdita di circa 800 mila posti di lavoro. Circa due terzi delle perdite di posti di lavoro sono state registrate nel settore alberghiero, in particolare nei bar e nei ristoranti.