Continental, la tremenda ammissione sul Lavoro con Hitler.

HANNOVER (GERMANIA) – L’azienda tedesca Continental AG, nota per la produzione di pneumatici per l’industria automobilistica, ha condotto uno studio, dopo di che ha ammesso il 27 agosto di aver contribuito alla “macchina da guerra” del dittatore Adolf Hitler e ha utilizzato circa 10 mila lavoratori forzati, alcuni di cui sono stati sfruttati “fino all’esaurimento e alla morte”.

“Abbiamo commissionato lo studio per ottenere ancora più chiarezza che mai sul capitolo più oscuro della storia della nostra azienda“, ha affermato il Dr Elmar Degenhart, CEO dell’azienda, aggiungendo che questa è anche un’opportunità per “capire di più chiarire la nostra identità e progettare un futuro migliore per le persone”.

Continental era una parte importante della macchina da guerra di Hitler

La ricerca è stata condotta dal professor Dr. Paul Erker, storico ed esperto nel campo della storia dell’impresa ai tempi del nazionalsocialismo. Il loro risultato – un libro di oltre 800 pagine – ha mostrato che “Continental era una parte importante della macchina da guerra di Hitler”, ha affermato Degenhart.

Lavoratori Continental, la tremenda ammissione sul Lavoro con Hitler.

È stato stabilito che Continental produceva una varietà di componenti di prodotti di consumo e armi, di cui il regime nazista aveva bisogno, come pneumatici auto, tubi per sistemi di frenatura dei serbatoi, elementi di aeromobili o missili guidati Fieseler Fi 103 (V1) e persino talloni di scarpe, riprende l’agenzia dpa.

Continental, la tremenda ammissione sul Lavoro con Hitler.

Lavoro dei prigionieri dei campi di concentramento

Per la sua produzione o prova, l’azienda ha utilizzato circa 10 mila lavoratori forzati.

“Negli ultimi anni di guerra erano prigionieri di campi di concentramento, che, ad esempio, venivano utilizzati nella produzione di maschere antigas o nel trasferimento della produzione sotterranea”, si legge in un comunicato di Continental. Allo stesso tempo, ha sottolineato che le condizioni di vita e di lavoro di queste persone erano “disumane”.

Continental, la tremenda ammissione sul Lavoro con Hitler.

Lo storico ha sottolineato che la società ha utilizzato il lavoro dei prigionieri del campo di concentramento di Sachsenhausen (link a Wikipedia), che hanno dovuto camminare o correre per decine di chilometri per ore per provare le scarpe e alcuni di loro “sono stati sfruttati e maltrattati fino allo sfinimento e alla morte”.

Da Continental hanno affermato che la cultura dell’azienda era “deformata non solo dall’esterno, ma anche dall’interno” e ha ribadito che questo dimostra che le culture aziendali possono cambiare “rapidamente sotto la pressione dei regimi politici e delle influenze sociali opposte”, ha affermato il dott Ariane Reinhart, Responsabile delle risorse umane presso Continental.