COMPRO ORO ILLEGALI, in 11 regioni italiane: riciclaggio, ricettazione, frode fiscale ed esercizio abusivo del commercio di oro, scoperti dalla Guardia di Finanza. Reati commessi attraverso i negozi “compro oro”, la catena di negozi per l’acquisto di oro usato sparsi sul territorio nazionale, una realtà che ha preso piede in questi ultimi anni segnati dalla crisi, e che prevede l’apertura di negozi compro oro in franchising.

Fort Knox è il nome dell’operazione dele Fiamme Gialle di Arezzo e di Napoli di questo novembre 2012, che si sono trovate di fronte ad un giro di affari illeciti da record. Con il nome Fort Knox è stata ribattezzata la villa nell’Aretino, blindata e sorvegliata, luogo cruciale dell’attività illecita in Italia.

Ecco le cifre: 250 perquisizioni, 163 milioni di beni sotto sequestro, 15500 chilogrammi di oro e argento requisiti, 118 indagati. Sotto indagine 500 rapporti bancari, distribuiti su 23 banche, 8 intermediari finanziari e 2 imprese fiduciarie.

Traffici illeciti organizzati da una associazione con sede in Svizzera: la “piramide” della frode vedeva al gradino più basso il gran numero di negozi compro oro, la merce veniva poi raccolta da intermediari che effettuavano gli scambi di oro, argento e denaro “sporco” su circuiti paralleli a quelli legali, usando contanti e corrieri che si avvalevano di autovetture con vani segreti dove nascondere merce e denaro.

Il video postato su YouTube da il Mattino di Napoli mostra la perquisizione di un’auto modificata e il materiale sequestrato dalla Guardia di Finanza: denaro contante e lingotti di vario valore e caratura.