COSA È SUCCESSO A PIAZZA TIENANMEN – l’”incidente” in piazza Tienanmen sembra essere stato in realtà un attentato dei separatisti musulmani uighuri, critici per la politica repressiva di Pechino.

Le indagini ora sembrano orientate verso la pista terroristica, e gli inquirenti stanno vagliando la presenza negli alberghi della zona, nei giorni scorsi, di ospiti e veicoli con targhe dello Xinjiang, zona a maggioranza musulmana all’estremo ovest del paese. Il quotidiano governativo Global Times afferma che la polizia cinese avrebbe già sospetti su 8 persone provenienti dalla regione dello Xinjiang, di cui 7 uiguri e un cinese, mentre starebbe indagando sulle targhe di 5 auto. La polizia di Pechino, per ora, non ha rilasciato dichiarazioni e commenti ufficiali in proposito.

Il veicolo protagonista dell’esplosione in piazza Tienanmen, un suv con targhe della regione da cui proverrebbero i sospetti, lunedì 28 ottobre 2013 a mezzogiorno, ora locale, si è schiantato sulla folla e ha preso fuoco. Il bilancio di quello che inizialmente era sembrato un incidente è di cinque morti e 38 feriti. Tra i deceduti lo stesso autista del suv e i due passeggeri, oltre a due turisti: una donna delle Filippine e un uomo cinese.

Un rapporto non confermato dalla agenzia di stampa internazionale Reuters rivela che gli investigatori sospettano che si sia trattato di un attacco suicida, come avevano illazionato sin dai primi monti alcuni media non governativi; spiegando che il veicolo si è schiantato contro una barriera di sicurezza e ha proseguito la marcia per centinaia di metri lungo un marciapiede prima che i tre occupanti facessero esplodere del

materiale infiammabile presente a bordo dell’auto.

Incidente o attentato terroristico che sia, l’accaduto non ha scoraggiato i turisti che già oggi brulicano nuovamente in piazza Tienanmen, un raro giorno di cielo pulito e libero dalla pesante cappa di smog che spesso affligge la città.

Le tracce dell’accaduto di lunedì sono state rimosse poche ore dopo, ma ad un occhio attento non può sfuggire la presenza nella zona di un maggior numero di agenti in borghese rispetto al solito.

Piazza TiananmenPorta della Pace Celeste, famosa per la proclamazione della Repubblica Popolare Cinese da parte di Mao Tse-tung il 1 ottobre 1949 e per le proteste di piazza Tienanmen del 1989, è una grande attrazione turistica e il cuore politico della Cina. Ciò la rende una delle zone più sensibili del paese. I leader del partito comunista al potere vivono e lavorano nelle vicinanze. Viene spesso chiusa al pubblico prima e durante anniversari ed eventi politici.